Tutto viene ripreso dalla telecamera del bus! Nulla poteva preparare l’autista a quello che sarebbe successo

Quando sei un autista di autobus per una grande città metropolitana, sei abituato a vedere accadere ogni sorta di cose strane dentro e intorno al bus. Diventi anche un esperto nello scoprire cose fuori posto. Jeannie Mitchell è autista del sistema di transito della contea di Milwaukee, e la sua recente esperienza dimostra quanto sia surreale la vita di autista. 



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Lei sa chi sono i suoi clienti regolari di autobus, ma quando ha visto un paio di sconosciuti che camminavano sul marciapiede, sapeva che c’era qualcosa di sbagliato nella situazione.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Il suo istinto materno gridava “pericolo” e sapeva che doveva agire in fretta!

Jeannie stava guidando il suo normale viaggio sulla Route 35 quando le sue acute capacità di osservazione notarono qualcosa di sbagliato nelle strade di Milwaukee. Vide due bambini piccoli che camminavano sul marciapiede, e sembravano essere tutti soli. La coppia camminava mano nella mano, ma sembravano molto spaventati! Il bambino aveva appena un anno ed era un miracolo che la sua sorella “più grande” riuscisse a tenerlo in piedi.

Non c’erano altri adulti in giro e Jeannie sapeva che c’era qualcosa di più in questa storia. Ha immediatamente fermato l’autobus, ha aperto la porta e ha chiesto alla bambina se si fossero persi.

“Tesoro, dove andrai. Con chi sei? ”

Incredibilmente, l’autobus era dotato di un sistema di telecamere che aveva un suono, quindi ha catturato l’intero incontro in video!

L’autista interessata ha lasciato che la “mamma” in lei prendesse il sopravvento, e ha continuato a insistere con la ragazza di 5 anni per avere delle risposte. Con chi erano e dove vivevano? Jeannie sperava che non stessero fuggendo da una situazione pericolosa.

Questi piccoli cari preziosi erano tutti impacchettati in giacche spesse per proteggerli dal freddo e dalla pioggia.

Sebbene i conducenti non dovessero lasciare l’autobus a meno che non fossero in pausa, Jeannie sapeva che il benessere di questi bambini era la massima priorità. Si slacciò rapidamente la cintura di sicurezza e si avvicinò cautamente ai bambini. Aveva bisogno di sapere che non era una minaccia, né era un’ “estranea” che dovevano evitare.

Per mantenere i bambini al sicuro e al caldo, Jeannie decise di portarli a bordo e chiamò la polizia in modo che potessero capire cosa stava succedendo. Quando arrivarono le forze dell’ordine, scoprirono che i bambini avevano deciso di andarsene dalla loro babysitter. Non è chiaro il motivo per cui la babysitter non prestava attenzione!

Tuttavia, i bambini sapevano che un parente viveva nelle vicinanze e stavano cercando di farsi strada là dove si erano persi. La polizia riuscì a contattare la loro preoccupata mamma, che fu molto sollevata dal fatto che Jeannie li avesse trovato per prima!

Jeannie è stata felice di aiutare la mamma e sa esattamente come ci si sente ad avere un figlio scomparso. 15 anni fa, la sua allora di 5 anni stava in una casa in cui era scomparso per 12 ore. Anche se non sembra un tempo molto lungo, quando sei una madre di un bambino scomparso, anche un minuto è un’eternità! Per fortuna, lo sconosciuto ha aiutato a portare il suo bambino a casa. Sembra che la storia si ripeta, solo che questa volta Jeannie era lo sconosciuto molto premuroso.