Una brutta sorpresa: ecco come trattavo il bimbo autistico gli insegnanti

Home > Lifestyle > Una brutta sorpresa: ecco come trattavo il bimbo autistico gli insegnanti

Quando mandiamo i nostri figli a scuola sappiamo di poterci fidare. L’ambiente scolastico dovrebbe essere un posto sicuro e senza pericoli, dove i bambini iniziano a prepararsi ad affrontare le sfide della vita. Anche il padre single Stuart Chaifetz lo pensava. Suo figlio Akian di 10 anni soffriva di autismo, una patologia che richiede un’attenzione speciale da parte degli insegnanti.

Ultimamente Stuart veniva sempre chiamato dalla scuola: gli insegnanti si lamentavano del comportamento del figlio: lo definivano violento e intollerabile, impossibile da gestire. Ma Akian era sempre stato un ragazzo tranquillo e Stuart non riusciva a credere che stesse recitando… ha deciso così parlare con il preside della scuola. Ma il suo tentativo non è andato bene. Il preside gli ha detto che il problema era il ragazzo. Visto che la scuola non gli ha dato alcuna risposta o assistenza, Stuart ha deciso di prendere in mano la situazione, facendo una cosa che alcuni gli hanno fortemente contestato: mise un registratore nella tasca di Akian prima di andare a scuola per vedere se riusciva a capire cosa gli stava succedendo. Quello che ha scoperto quando ha sentito la registrazione lo ha scioccato. Sul nastro c’erano sei ore di scontri, parolacce e rimproveri inadeguati e disgustosi. L’insegnante di Akian, apparentemente ignorando l’autismo di Akian, ha maltrattato il ragazzo, rimproverandolo durante le lezioni e persino definendolo un “bastardo”. La registrazione ha anche catturato gli insegnanti che parlavano di come si ubriacavano e dei loro incontri a luci rosse proprio di fronte agli studenti.

Stuart ha caricato un video su YouTube per condividere l’audio scioccante con il pubblico.

Mentre alcuni hanno contestato a Stuart il fatto di aver registrato segretamente gli insegnanti, la maggior parte delle persone ha applaudito il suo sforzo per conoscere la verità e proteggere suo figlio.

Stuart adesso ha una missione: diffondere la consapevolezza sull’autismo e combattere il bullismo.

In una dichiarazione pubblicata online, il sovrintendente della scuola, Dr. Maureen Reusche, ha affermato che il distretto ha indagato sulle registrazioni e “ha risposto in modo rapido e appropriato”.

“Voglio assicurare i genitori dei nostri studenti che le persone che sono ascoltate nella registrazione e che si rivolgono in modo inappropriato ai bambini non lavorano più nella scuola”.