Una donna insulta madre e figlio alla fermata del bus. La sua risposta è una vera e propria lezione di vita.

Home > Lifestyle > Una donna insulta madre e figlio alla fermata del bus. La sua risposta è una vera e propria lezione di vita.

Haylee Bazen, è una ragazza e madre di un bambino di 3 anni, Zackary che,per la festa a tema della scuola, ha scelto di vestirsi da Elsa, la principessa del noto film di animazione “Frozen”. Madre e figlio aspettavano il bus ad una fermata, discutendo su quale fosse la principessa Disney che più amavano,

quando all’improvviso, una signora entra nella discussione, criticando la scelta della giovane madre di far vestire il piccolo da femmina, dicendo di vergognarsi e di non uscire da casa. Indignata Haylee, ha scritto un post sulla sua pagina Facebook che ha subito fatto il giro del web.

Alla signora che alla fermata dell’autobus ha sentito la necessità di interrompere la conversazione con mio figlio. 
Io NON mi scuso perché non le piaceva come era vestito mio figlio, né mi scuso perché non le piaceva il nostro argomento di discussione su chi fosse la nostra principessa Disney preferita (Biancaneve, ovviamente).

 Zackary è mio figlio, ha 3 anni e può essere chi vuole essere. Oggi era una principessa Disney e sì, l’ho mandato a scuola vestito così. Perché? Perché era ciò che voleva indossare, perché voleva mostrare agli insegnanti e agli amichetti il suo vestito da Elsa, perché voleva cantare “Let It Go”

ai suoi compagni, perché non capisce gli stereotipi di genere nei quali TU pensi che si debba riconoscere, ma principalmente perché è FANTASTICO. Gioca con le automobiline e con le bambole, con le principesse e con i pirati. Guida lo scooter e spinge la carrozzina.

Si fa truccare da zombie o mettere il rossetto e, se decide di indossare un vestito, è libero di farlo! Quindi la prossima volta che ci vedrai, vestiti da principessa o da cowboy, tieni quegli sguardi di disapprovazione per te e, a meno che tu non voglia dirgli quanto è fantastico, tieni le tue parole di veleno per te. 


Sei tu che dovresti essere imbarazzata a uscire di casa, non noi.