Una madre chiede aiuto al mondo per il suo piccolo bimbo di 5 settimane.

Home > Lifestyle > Una madre chiede aiuto al mondo per il suo piccolo bimbo di 5 settimane.

Tracie Wright, è una donna inglese incinta del suo terzo bambino. è ancora alla ventesima settimana di gestazione, quando i medici scoprono che il suo piccolo, ha dei problemi al cuore.

Qualcuno consiglia Tracie di abortire, ( in Inghilterra è consentito fino alla ventiquattresima settimana), ma lei non ne vuole sapere, vuole lottare con il suo piccolo. Arriva il giorno del parto e Tracie, da alla luce un bellissimo bambino che chiamerà Charlie.

Purtroppo la sua gioia dura poco. Charlie doveva essere operato al cuore, perchè la parte sinistra non funzionava, aveva anche un buco alla aorta. L’operazione lo stabilizza, ma da allora ha dovuto essere collegato a un respiratore e tubi che controllano e regolano le sue funzioni corporee.

Nella prima settimana di vita, il piccolo ha avuto 2 attacchi di cuore che, fortunatamente, non hanno causato danni al cervello. Nell’arco di poche settimane, il piccolo Charlie siè dovuto sottoporre a 9 interventi e 20 trasfusioni di sangue, in uno degli interventi inoltre, ha dovuto essere rianimato per 30 minuti a causa di un arresto cardiaco.

Charlie ha bisogno di un cuore nuovo. La lista d’attesa nell’unione Europea, è molto lunga. Cosi Tracie cerca di accelerare i tempi a modo suo, dato che ci sono moltissimi pazienti che aspettano un cuore nuovo. Con un post su Facebook la donna chiede a tuttididiventare donatore di organi.

Questo è il suo accorato appello: “Sono davvero disperata e potrebbe volerci molto tempo, ma provo a fare di tutto per aiutare il mio bambino. Mio figlio ha bisogno di un cuore. Essere in lista d’attesa per la donazione di organi è una cosa terribile, perché sai che un altro bambino ha perso la vita.

C’é qualcuno che ha perso la sua fonte di gioia. E questo non può che dilaniarti. Ma è anche un regalo incredibile per qualcuno. E penso che possa dare anche un poco di conforto a chi quel figlio lo ha perso, sapendo che vive in qualcun altro. Che ha aiutato qualcuno”.