Una preghiera da recitare durante la Quaresima

Una preghiera da recitare durante la Quaresima, per la Beata Vergine Maria, la Madre del dolore del Suo Divino Figlio

Home > Lifestyle > Una preghiera da recitare durante la Quaresima

La nostra Beata Madre, è colei che in questo periodo, ha assistito il suo Divino Figlio, mentre soffriva e moriva per i peccati dell’umanità. Tutti i cristiani immaginano la Santa Madre gioiosa e radiosa, ma in realtà, nel periodo della Quaresima, dovremmo, noi tutti, meditare sui Suoi dolori e oggi vogliamo proporvi una preghiera con cui possiamo farlo.

O Maria, Beata Madre, augusta Sovrana e Regina dei Martiri, nessuna mente umana può concepire, nessuna lingua umana può esprimere, l’immensità del dolore che riempì il tuo cuore di amarezza e bagnò il tuo volto di lacrime, durante la Morte del tuo amato Figlio, Gesù. Dopo il Vostro triste Addio, quando si separò da Te, per andare al Sacrificio, venne quella notte terribile, quando Tu in spirito lo contemplasti, sudando sangue nel giardino. Fu preso prigioniero, torturato in mille modi e imprigionato come un malfattore. Lo hai seguito mentre portava la croce sulle sue spalle ferite, cadeva a terra e si rialzava. Lo hai visto su quella via del dolore, incapace di guardarti a causa del sangue e delle lacrime che riempivano i Suoi occhi Divini. Tu eri presente lì, quando i carnefici trafissero le sue mani e i suoi piedi, quando lo sollevarono sulla croce tra due ladri e le tue vesti furono cosparse con il Suo Preziosissimo Sangue. Hai sentito le Sue Sette Parole sulla Croce, che come sette frecce hanno trafitto il Tuo compassionevole Cuore. Lo hai visto nelle ultime fitte della sua agonia e quando, chinando il capo, Lui ha rinunciato al suo Spirito, anche la tua anima sembrava essere andata via dal tuo corpo. Hai ricevuto tra le tue braccia, il Suo corpo senza vita e poi lo hai lasciato nel sepolcro e sei tornata alla Tua solitudine, a ripensare alle tristi scene dei Suoi tormenti e della sua Morte.

A cosa ti paragonerò, o Madre Addolorata? A cosa ti eguaglierò, per consolarti? O Madre afflitta, vorrei poter piangere con te in queste tue sofferenze.

Ti supplico, Vergine compassionevole, per i tormenti del tuo Divino Figlio e per questi tuoi amari dolori, di farmi diventare il tuo devoto servitore e di consolarti con una vita santa.

Degnati, o Madre, di aiutarmi in tutte le mie necessità, spirituali e temporali; ma soprattutto, stammi vicino nell’ora della mia morte, affinché con la tua protezione, io possa raccogliere il frutto delle sofferenze e benedire il mio Salvatore e te stessa, la Mia Addolorata, con eterna gratitudine nel Regno dei Cieli.

Amen.