Una storia che potrebbe cambiare il tuo modo di pensare

Home > Lifestyle > Una storia che potrebbe cambiare il tuo modo di pensare

Questa è una storia che non richiederà più di un minuto per leggere ma che cambierà per sempre il tuo modo di pensare. Due uomini gravemente malati hanno condividevano una stanza in ospedale. Uno di loro era costretto a stare seduto per un’ora al giorno per favorire il drenaggio. Il suo letto era accanto all’unica finestra della stanza. Il letto dell’altro paziente era dall’altra parte della stanza quindi non poteva guardare fuori dalla finestra.

I malati, per quanto la loro salute lo permetteva, passavano ore a parlare dai loro letti, condividendo aneddoti sulle loro famiglie, lavoro, amici, viaggi … Ogni pomeriggio, l’uomo accanto alla finestra descriveva quello che succedeva fuori per il suo compagno di stanza che non poteva alzarsi. Disse che la finestra si affacciava su un parco con un bellissimo lago. Cigni e anatre giocavano nell’acqua mentre i bambini facevano volare i loro palloni. Le coppie innamorate camminavano mano nella mano sui viali pieni di fiori. Sullo sfondo, all’orizzonte, si vedeva la città. Mentre l’uomo alla finestra descriveva tutte queste scene con molti dettagli, l’uomo che condivideva la stanza con lui chiudeva gli occhi e li immaginava. Per giorni aveva ricominciato a vivere attraverso le scene animate descritte dal suo amico.

Un pomeriggio, una banda di musicisti che indossavano uniformi dai colori vivaci attraversò il parco attirando tutti i passanti. Ovviamente, la finestra chiusa ha impedito ai malati di ascoltare la musica. Peccato, ma evidentemente e per giudicare dall’entusiasmo delle persone descritte dal paziente avevano suonato abbastanza bene. Passarono giorni, settimane e mesi. Una mattina, l’infermiera arrivò per lavare i pazienti e trovò, con tristezza, il corpo senza vita del paziente alla finestra, che era morto serenamente mentre dormiva.  Più tardi e non appena sembrò appropriato, l’altro paziente chiese all’infermiera se potevano spostarlo sul posto alla finestra. Si aspettava di vedere con i suoi occhi le immagini colorate che per tanti giorni il suo amico gli aveva descritto.

L’infermiera, felice di essere in grado di accontentarlo, cambiò il suo posto e, una volta scoperto che il paziente era a suo agio, lo lasciò da solo.

Lentamente l’uomo scivolò nel suo letto finché non fu in grado di alzarsi abbastanza da guardare fuori dalla finestra. Ma con sua sorpresa, a pochi metri da lei, c’era un enorme muro di cemento bianco che non gli permetteva di vedere nulla fuori.

Infastidito, il paziente in seguito chiese all’infermiera come aveva fatto il suo ex compagno di stanza di descrivere tutte le cose meravigliose che erano accadute negli ultimi mesi, se tutto quello che poteva vedere fuori dalla finestra era un muro.

L’infermiera gli disse: “il suo compagno era cieco e, evidentemente, non riusciva nemmeno a vedere il muro. Forse stava solo cercando di tirarlo su di morale.”