Un’idea mortale

Due adolescenti rimangono svegli tutta la notte a giocare a un videogioco, la mattina dopo vengono ritrovati senza vita.

Home > Lifestyle > Un’idea mortale

Gunner Bundrick, 19 anni, era un adolescente normale come tutti gli altri; un giorno invitò il suo amico Jake Morales a casa sua per quella che avrebbe dovuto essere una notte tranquilla, i suoi piani erano di giocare ai videogiochi e mangiare la pizza, come al solito per i ragazzini della sua età. Ma improvvisamente, i fatti hanno preso una svolta terrificante.

E dopo essere rimasti svegli tutta la notte, la madre di Gunner ha trovato entrambi i ragazzi distesi a terra ormai senza vita. Gunner era un ragazzo sano, che amava lo sport. Ma la curiosità dell’età, apparentemente cattura gli adolescenti, e aveva acquistato una pillola che era di moda, la stessa che conteneva una sostanza potenzialmente mortale. Sebbene i ragazzi fossero assolutamente sani e non avessero una storia di droghe, caddero prigionieri della curiosità e della moda del momento. D’altra parte, Brandi Bundrick Nishnick, zia di Gunner, ha deciso di pubblicare la storia per sensibilizzare e allertare altri genitori. “Sento che è importante raccontare la storia di Gunner per 3 motivi: 1) Gunner era un ragazzo fantastico che meritava la vita e non avrà l’opportunità di viverla, quindi devo raccontare la sua storia perché possa essere utili ad altri. 2) Voglio chiarire ogni malinteso ed esporre i fatti così come sono accaduti. 3) La storia di Gunner potrebbe salvare la vita di tuo figlio, quindi per favore condividi la sua storia “, ha scritto la zia di Gunner. Gunner e Jake erano riusciti a ottenere la famosa pillola chiamata Percocet o Oxycodone, un analgesico oppioide molto popolare, efficace per via orale, molto potente e potenzialmente coinvolgente che è ampiamente disponibile e venduto ai minori in qualsiasi farmacia.

Sfortunatamente, le pillole che Gunner e Jake ingerivano avevano una grande quantità di fentanil, un oppiaceo sintetico che viene aggiunto ai farmaci per aumentare la loro potenza. “Gunner era un atleta, un figlio e un fratello meravigliosi ed era estremamente amato nella sua comunità. Non sappiamo perché abbia deciso di prendere una pillola quella notte. L’unica cosa che possiamo supporre è che la curiosità di sapere quello che si sentiva entrò in gioco “, ha continuato la zia.

Una dose di fentanil delle dimensioni di due grani di sale da cucina può uccidere un adulto. Le pillole prese da Gunner e Jake erano composte fino al 50% di fentanil, quindi, secondo gli investigatori, questo ha messo fine alle loro vite immediatamente, ma senza sofferenza. La famiglia di Gunner è devastata dalla loro dipartita prematura e vogliono usare la loro dolorosa tragedia per aumentare la consapevolezza e allertare altri adolescenti a non cadere nella stessa trappola.

Brandi Bundrick ha seriamente messo in guardia altri giovani nella sua pubblicazione:

“Non è un gioco. È davvero una questione di vita o di morte. Non riesco a descrivere il dolore che sta attraversando tutta la famiglia. Un buco che non sarà MAI riempito. Una vita che non tornerà mai più. Una bella vita sparita per sempre. ”

È una vera tragedia, speriamo che questo caso serva a sensibilizzare gli adolescenti sulla gravità dell’ingestione di queste sostanze, anche se fosse per una sola volta.