Uomo trasporta a piedi il corpo della moglie per 10 chilometri

Le foto e i video dell'uomo che porta il corpo senza vita di sua moglie, mentre la sua bambina di 12 anni piange accanto a lui, percorrono il web

Home > Lifestyle > Uomo trasporta a piedi il corpo della moglie per 10 chilometri

Le foto e i video di un uomo che trasporta per 10 chilometri a piedi, tra la fatica e le lacrime, il corpo senza vita della moglie, mentre la figlia dodicenne piange accanto a lui, hanno fatto il giro del mondo. Pubblicato dalla CNN non sappiamo in realtà cosa rappresenti questo video e la storia che c’è alle sue spalle. Vi raccontiamo tutte le versioni.

Protagonista del video Dana Manjhi, un uomo di Nuova Dehli, in India, che avrebbe percorso 10 chilometri a piedi trasportando a spalla il corpo senza vita della moglie, morta in ospedale a causa della tubercolosi. L’ospedale non gli ha dato un trasporto per spostare il corpo della moglie, secondo quanto riportato dall’uomo. Quindi lui se l’è caricata a spalle per portarla via. Vivendo in estrema povertà, non poteva nemmeno permettersi il noleggio di un veicolo. E così tra le lacrime e il dolore per aver perso la compagna della sua vita, Dana Manjhi ha avvolto il corpo della moglie in un lenzuolo blu e, accompagnato dalla figlia, l’ha portata a piedi. Questa è la versione di Dana Manjhi, mentre l’ospedale dove la donna è stata ricoverata e poi è deceduta fornisce, invece, un’altra versione.

Un portavoce ufficiale della struttura ospedaliera sostiene che nessuno ha mai negato a Dana Manjhi il trasporto della salma della moglie: “Nessuno sa a che ora il lmarito l’ha portata fuori dall’ospedale”.

Alla CNN dottor Jaghu Lal Agarwal, assistente del distretto medico dell’ospedale di Kalahandi, racconta che il medico di guardia non aveva ancora certificato la sua morte, la donna non era ancora stata dimessa e nessuno sapeva quando il suo corpo era uscito dalla struttura. Rimane il fatto che l’uomo si è fatto carico di tutto il suo dolore, portando il corpo della moglie via da quel luogo che gliela aveva portata via.

Immaginiamoci come si poteva sentire in quel momento!