Violenza di genere, nasce un nuovo sportello del Progetto Rosa

Ecco di cosa stiamo parlando.

Angoli di Luce Rosa è lo spazio d’ascolto inaugurato in questo mese di luglio 2018 dall’Associazione di Teatroterapia Angoli di Luce e da AITD – Associazione Internazionale Tutela Diritti, dedicato a tutte le donne vittime di violenza fisica e psicologica. Fa parte della rete Progetto Rosa che ora conta su cinque sportelli sul territorio lombardo. Qui personale specializzato ha già affrontato 4587 casi di violenza domestica, anche grazie al numero verde 800101400, attivo da lunedì a venerdì dalle ore 15,00 alle ore 19,00.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Angoli di Luce Rosa è uno spazio protetto per trovare informazioni e costruire insieme a personale specializzato un percorso per uscire dalla violenza domestica. Sono previste anche nuove aperture in autunno, grazie al lavoro anche dei tanti volontari che affiancano il personale specializzato che sta al fianco delle donne vittime di violenza.

Il progetto offre tutta l’assistenza indispensabile: informazioni di base, assistenza legale in caso di denuncia, sostegno psicologico, consulenza medica, consigli sui Centri di accoglienza. Il servizio, in collaborazione con ospedali e autorità giudiziaria, è svolto da operatori volontari e personale specializzato, dal lunedì al venerdì, all’interno delle sede di Angoli di Luce, in Via Giovan Battista Moroni, 8 20146 Milano (MM1 Gambara). Si può richiedere il servizio anche tramite telefono.

Da ottobre 2018 sarà attivato un programma di Family Empowerment dedicato ai familiari delle vittime che vivono quotidianamente il dramma dei loro, per supportarli con servizi di consueling, per guidarli in un percorso di rielaborazione cognitiva, emotivo-affettiva e corporea del fenomeno della violenza.

Raffaela Gallo, Fondatrice dell’Associazione Angoli di Luce insieme a Fabio Leone e Enzo Bonanno, spiega: “Siamo orgogliosi di sostenere iniziative come questa. Angoli di Luce Rosa rappresenta un importante punto di partenza che ci permetterà di sviluppare un vero e proprio progetto legato alla violenza di genere e di mettere a disposizione percorsi di consueling e teatroterapia a progetti del terzo settore“.

Rossella Vitali, Presidente AITD, aggiunge: “Abbiamo promosso questa iniziativa partendo dalla considerazione che la lotta alla violenza di genere passi attraverso al supporto concreto e quotidiano con il lavoro di un team multidisciplinare. Con questo servizio vogliamo sensibilizzare e dare al maggior numero possibile di donne, vittime o testimoni di violenza, il messaggio che non sono sole e che esiste una rete locale attiva in grado di aiutarle e supportarle in percorsi difficili e dolorosi“.