Vivono per un mese col figlio morto dopo averlo curato con l’omeopatia: “Credevamo dormisse”.

Home > Lifestyle > Vivono per un mese col figlio morto dopo averlo curato con l’omeopatia: “Credevamo dormisse”.

Ci troviamo in un casa in Spagna, in una cittadina chiamata Girona, dove la polizia locale, ha scoperto il corpo senza vita di un bambino di 7 anni. Il cadavere del piccolo era coperto da un lenzuolo, e si trovava in una stanza dove dormivano tutti i componenti della famiglia: madre, padre e due fratelli maggiori.

I genitori sono sotto processo, con la grave accusa di omicidio colposo con l’aggravante della parentela. Secondo quello che è emerso dalle indagini, il figlio di Bruce Hopkins, Ingegnere quarantunenne, e della moglie Schrell di quaranta anni, sarebbe morto a causa di una grave crisi asmatica non curata. Sembrerebbe, infatti, che i genitori del ragazzino, si affidavano prevalentemente alla omeopatia rifiutando la medicina tradizionale.

La coppia, originaria degli Stati Uniti  (vivevano a Detroit) si era trasferita nella cittadina Spagnola nel 2014, e sembra che il ritrovamento del piccolo, sia stato fatto dalla polizia, chiamata dal padrone di casa a cui non veniva pagato l’affitto da un anno. Per questo motivo la polizia è intervenuta nell’appartamento compiendo la drammatica scoperta. Mamma, papà e fratelli hanno vissuto per un mese con il cadavere del bambino. Nel corso del processo, i genitori del bimbo, si sono difesi dalle accuse, sostenendo di aver fornito al figlio, le cure necessarie alternando medicina tradizionale e omeopatica.

Per questo il loro avvocato, chiede l’assoluzione dei due. Intanto continuano a ripetere, che non si sono accorti della morte, fino all’arrivo in casa degli agenti di polizia, sostenendo che pensavano, che il loro figlio stesse dormendo. Ma ancora peggiori sono i retroscena della vicenda.

Sembra infatti, che i due genitori, in un anno e mezzo solo due volte avevano consultato un medico, e secondo la ricostruzione del Pubblico Ministero, i due avrebbero imposto il loro approccio etico, religioso e morale al bambino, mettendolo così, in pericolo di vita. I due, quando il piccolo è peggiorato, si sarebbero limitati a pregare. Per tutto quello che è successo, il Pm ha chiesto tre anni e tre mesi di reclusione.