Allergie: c’è anche quella allo sperma!

Poco conosciuta, sempre più diffusa. E non esiste un vaccino capace di contrastarla

Home > love > Allergie: c’è anche quella allo sperma!

Leggere un titolo del genere può far sorridere, perché è assurdo pensare di poter essere allergici allo sperma, eppure è così: è una allergia poco conosciuta e poco studiata qui da noi in Italia, ma in America coinvolge il 2% della popolazione femminile.

Dolori addominali
Dolori addominali

Si manifesta molto di rado, questo perchè non si è allergici allo sperma in toto, bensì a una particolare proteina contenuta nel liquido seminale: la spermidina, che non essendo tollerata dall’organismo allergico, quando entra in contatto con le mucose della vagina determina una risposta immunitaria alquanto significativa.

Sintomi

Non sono univoci, né immediati e nemmeno riguardano soltanto la zona direttamente interessata: bruciori, arrossamenti, pruriti e ispessimento delle mucose vaginali, accompagnate da una sensazione di un ago perforante nella vagina durante la penetrazione o subito dopo. Fortunatamente la fertilità non viene intaccata a causa di questa strana allergia. Altri sintomi consequenziali possono essere senso di soffocamento, macchie sulla pelle in qualunque parte del corpo.

Instabilità nella coppia - cooletto.com
Instabilità nella coppia – cooletto.com

La storia di Clara e Jeff

Clara e Jeff, entrambi americani di 35 anni, follemente innamorati, decidono di convolare a nozze in tempi rapidi. Le cose pero’ sono cambiate quando hanno iniziato ad avere rapporti sessuali: Clara ha scoperto di essere allergica allo sperma del marito.
“Ho avuto questa reazione bizzarra”, ha detto Clara. “Avevo un insolito bruciore, gonfiore e arrossamento. Pensavo di aver contratto una una malattia sessualmente trasmissibile”. Ma poi dopo diversi consulti è arrivata la diagnosi.
Clara si è quindi sottoposta ad un intervento intravaginale, utilizzando diluizioni seriali di liquido seminale di suo marito iniettati attraverso una siringa ogni 15-20 minuti nel corso di due o tre ore.
Insomma non proprio una passeggiata!
L’esperimento per il momento sembra essere andato in porto, nonostante alcuni piccoli fastidi che ancora sussistono.

La storia ha dell’incredibile e la cosa che mi sconvolge è il pensiero che una cosa così bella e naturale, come fare l’amore con il proprio partner, possa diventare qualcosa di costruito, perdere di passione e di piacere. Di certo se ti capita una cosa del genere devi avere accanto la persona giusta, perché solo un grande amore può darti la forza necessaria per superare queste difficoltà.