Che cos’è il parto orgasmico? Una donna lo ha fatto

Scopriamo in che cosa consiste e qual è stata l'esperienza da lei vissuta

 

Una giovane neo-mamma di 30 anni ha trovato un modo davvero bizzarro per attenutare il dolore del parto.  Angela Gallo è australiana ed ha raccontato al Mirror la sua esperienza. Durante il parto, la donna avrebbe preferito evitare di utilizzare la tradizionale anestesia epidurale e ha optato per il “parto orgasmico”.

Questo tipo di parto viene praticato da alcune ostetriche inglesi e prevede una serie di regole. Per prima cosa, la futura mamma deve partorire in casa, in un ambiente confortevole, deve sentirsi bella e desiderare di fare sesso con il suo uomo nel momento in cui sta partorendo.

o-SESSO-DISABILI-facebook
Sesso e parto

L’orgasmo è infatti una forma di sollievo naturale. Il parto e il sesso passano per le stesse vie e le cose si intrecciano. Angela Gallo si è sentita più forte nel corso delle doglie fino alla dilatazione. Suo marito le avrebbe chiesto perfino di fare sesso, ma alla fine, essendo lei senza forze,  si è accontentato di far godere solo la sua compagna.

L’uomo ha avuto un ruolo fondamentale in questo parto, facendo raggiungere alla donna l’orgasmo clitorideo. In questo modo, l’attenzione si è spostata sul piacere e i picchi di dolore sono diventati più gestibili.

Fonte: ilgiornale.it