Più innamorati dello smartphone che del partner?

La tecnologia, sempre più presente nelle nostre vite, potrebbe mettere a rischio la nostra intimità.

Smartphone
Smartphone

Gli smartphone mettono a rischio il nostro rapporto di coppia? Dobbiamo ammettere che sono sempre più presenti nelle nostre vite, tanto da risultare quasi troppo invadenti. Tanto che a volte sembriamo più innamorati dei telefonini e trascuriamo un po’ il partner.

Una recente ricerca della Durham University ha svelato come gli smartphone siano ormai il terzo incomodo in ogni matrimonio e in ogni rapporto di coppia: il 40% degli intervistati ha confessato di aver smesso di fare sesso per poter rispondere a una chiamata o a un messaggio, mentre altri hanno “accelerato” le cose per poter rispondere il prima possibile. C’è anche chi risponde al cellulare mentre è in intimità con il partner!

Il Dottor Mark McCormack, che ha effettuato le interviste, sottolinea la pericolosità dei nuovi gadget tecnologici nelle camere da letto: potrebbero mettere seriamente a rischio ogni rapporto.

A volte, come suggerito da una ragazza, nonostante la vicinanza a letto sembra di appartenere a due mondi diversi, perché uno impegnato in una chat su Facebook e l’altro con un’app dedicata allo sport!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Le cose che non devi mai dire al tuo uomo

Le cose che non devi mai dire al tuo uomo

Fare la pipì prima di fare l'amore? No, tenetevela per dopo!

Fare la pipì prima di fare l'amore? No, tenetevela per dopo!

Per avere un'ottima carriera, dovete avere una vita sessuale appagante

Per avere un'ottima carriera, dovete avere una vita sessuale appagante

Consigli per fare l'amore in acqua...

Consigli per fare l'amore in acqua...

Segnali che sei brava a letto

Segnali che sei brava a letto

I trucchetti per non farvi mai tradire dal vostro uomo

I trucchetti per non farvi mai tradire dal vostro uomo

Gli strani effetti dopo aver fatto l'amore che non conoscevi

Gli strani effetti dopo aver fatto l'amore che non conoscevi