7 anni dopo la morte di suo figlio, John Travolta pubblica un messaggio toccante

Non c’è dolore più grande, non c’è nulla che faccia più male del perdere una persona cara. E se si tratta di un figlio? Beh è impossibile spiegare a parole ciò che si prova, è un qualcosa di insostituibile e irreparabile..

Tutte voi conoscete il famoso attore John Travolta, grazie ai suoi meravigliosi e numerosi film. Non so se lo sapete, ma nel 2009, John ha perso un figlio, aveva 16 anni e ancora tutta una vita davanti. Un anno fa, l’attore ha deciso di rendere omaggio al suo bambino, voleva mantenere vivo il suo ricordo, voleva condividere tutti i momenti belli trascorsi con lui, ma anche quelli tristi che erano riusciti a superare insieme.

Era l’anniversario di suo figlio, quando John, nel 2016, ha deciso di scrivere un toccante messaggio. Anche se sono passati anni, la ferita è ancora lì, che sanguina sul suo cuore e che fa male da morire.

“Si dice che la cosa più difficile al mondo sia perdere un genitore, io l’ho perso e adesso posso dire che non è vero. La cosa più difficile del mondo, è perdere il proprio bambino. Una creaturina indifesa che vedi crescere, giorno dopo giorno. Qualcuno a cui hai insegnato a camminare e a parlare. Qualcuno a cui hai insegnato cos’è l’amore. Perdere un figlio è la cosa peggiore che possa capitare nella vita.”

Il sedicenne figlio di John è morto all’improvviso durante una vacanza alle Bahamas con tutta la famiglia. Il suo cuore ha ceduto, Jett, era questo il suo nome, soffriva di attacchi di epilessia e quel giorno, all’improvviso, ha perso i sensi, sbattendo la testa alla vasca del bagno. Purtroppo John e sua moglie lottavano con lui da quando aveva due anni, da quando i medici gli avevano diagnosticato la sindrome di Kawasaki, una malattia che colpisce i vasi sanguigni. Hanno sempre cercato di fargli condurre una vita normale, lo amavano e questo dolore, lo porteranno dentro per il resto delle loro vite.

Purtroppo la vita a volte è ingiusta e noi ci domandiamo perché, quando meno te lo aspetti, ti coglie alla sprovvista e ti strappa ciò che di più caro hai. Se vi raccontiamo questa storia non è per deprimervi ma è per condividere con un genitore, un dolore che noi possiamo comprendere. E’ per mostrarvi che dovete godervi ogni istante sempre, che a volte bisogna mettere da parte ciò che ci tiene impegnati e goderci la nostra famiglia. Riempite la vita di ricordi belli, di ricordi da custodire nel cuore per tutta la vita. Il tempo vola e nulla vi sarà ridato indietro… non dimenticatelo mai!

Vende la culla del suo bambino volato in cielo. Una settimana dopo l'acquirente torna

Dopo il parto il medico disse "mi dispiace", ma le mie figlie non le cambierei mai

Il Vicks Vaporub non serve solo per il raffreddore: ecco altri 10 utilizzi per la salute

Strano difetto genetico, le bastano novanta minuti di sonno ed è come nuova

Ultima ora: la lettera del fidanzato e le parole di suo padre

ragazzina di 13 anni muore a causa del bullismo, la madre scrive ai suoi aguzzini

Disturba una madre stanca durante un volo, così lei decide di vendicarsi.