Trasforma il suo incubo in qualcosa di meraviglioso

Terry-Ann Tunks era una giovane ragazza dell’Australia, che appena sposata, con Cameron Pollard, non voleva altro che avere figli. La sua prima gravidanza non è andata molto bene, perché quando è entrata in travaglio a venti due settimane, il suo bambino Taj, è nato morto.

Un anno dopo, è rimasta incinta di nuovo, di due gemelle e non voleva assolutamente sapere di rivivere una situazione come quella vissuta in passato. Infatti sembrava che stava andando tutto bene, la coppia era al settimo cielo. Fino a quando a sedici settimane, i medici fanno una brutta scoperta.

Si rendono conto, che la sua cervice si sta indebolendo e che quasi sicuramente le sue bambine nasceranno morte. Terry non voleva arrendersi, non poteva sopportare una situazione come quella precedente. Così inizia a fare delle ricerche su internet e scopre che c’è una procedura chiamata “punto cervicale”. Guarda come è andata la storia:

Inizialmente i medici non volevano sottoporla a questo intervento, ma dopo molta insistenza della coppia, i dottori finalmente hanno fatto quello che chiedevano. Terry ha sfidato ogni probabilità, infatti è arrivata a venti sei settimane e quattro giorni, nessuno ci avrebbe scommesso.

Cadenza e Tori, quando sono nate, pesavano meno di due chili e infatti non riuscivano a respirare da sole, ma dopo dodici settimane in ospedale, per la famiglia, il miracolo è arrivato. Ora sono in salute, respirano e sono delle bambine dolci e meravigliose, non potevano chiedere di meglio! Terry ha pubblicato la sua storia perché ha detto:

“Il punto ha salvato le mie ragazze e so che senza di questo non sarebbero sopravvissute. Vorrei incoraggiare le mamme a spingere sempre per il trattamento di cui hanno bisogno!”

Se ti è piaciuta questa storia, condividi!

Stavano per far nascere il suo bambino con il cesareo ma alla fine hanno dovuto ricucirla

Deve andare in bagno prima dell'ecografia ma i medici non glielo consentono

Entrambi alti 1,80 m, danno alla luce una bambina particolare

Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio”, la sua risposta commuove tutti

"Se vedi un neonato abbandonato per strada, blocca subito le portiere della tua auto"

Piange per la febbre alta, il problema era il suo piede

La coppia perde il loro bambino, ma 4 giorni dopo arriva il miracolo