Aiutiamo Rori

Aiutiamo Rori - Madre cerca disperatamente trapianto per la sua bambina, che si sta spegnendo. Aiutaci a condividere per dare il nostro appoggio

Home > Mamma > Aiutiamo Rori

Se c’è un periodo dell’anno che sembra propizio ai miracoli, è Natale. Ora questa madre ha inviato il suo disperato messaggio sui social network per chiedere questo miracolo per la sua piccola figlia, Aurora ‘Rori’ Shane. La bambina ha 1 anno e ha trascorso la maggior parte della sua vita in ospedale, poiché soffre di una malattia cardiaca congenita che ha la sua vita appesa a un filo.

La sua unica speranza è un trapianto di cuore, ma trovarne uno così piccolo da stare nel suo petto è estremamente difficile … Alla ricerca di un nuovo cuore
In una pubblicazione su Hope for Rori Facebook spiega: “A causa delle sue dimensioni non ha ricevuto molte offerte. Il gruppo sanguigno e il suo peso sono fattori chiave, abbiamo bisogno di un donatore tra i 9 e 20 kg, con gruppo sanguigno A+. Sua madre, Jennifer Shane, sa che la condivisione sui social network è troppo ampia, ma ha sentito tante storie in cui la diffusione di informazioni può portare al successo per coloro che l’hanno provata. Come nel caso di Susie Rabaca, una madre incinta di due gemelli, che è riuscita a trovare un donatore di midollo osseo dopo aver chiesto aiuto sui social network. La speranza di Jennifer è che, come nel caso di Susie, la persona giusta veda la sua richiesta se la storia diventa virale. Attualmente, la famiglia è a Louisville, negli Stati Uniti, con Rori al Norton Children’s Hospital. E questo è il bello dei social network, che non hanno confini, non si sa mai fin dove arriva la condivisione da un paese all’altro. Sfortunatamente, il tempo è essenziale.

Il 1 ° dicembre è stata lanciata una campagna in GoFundMe per aiutare a coprire le spese mediche, ma in questo mondo la famiglia si aspetta già un miracolo sotto forma di un piccolo cuore.

Tutti i nostri pensieri sono con la piccola Rori e la sua famiglia.

Per favore, aiutaci a condividere questo articolo su Facebook per inviare forze e supporto, e chissà se possiamo ottenere qualcos’altro: un miracolo.