Avverte tutti i genitori, dopo essersi accorta che il suo bambino aveva qualcosa che non andava

La cosa più brutta per un genitore è vedere il proprio figlio stare male e non riuscire a capire il perché, ne sapere come aiutarlo. Lo sa bene questa mamma, una donna di nome Karen McGregor, che si è ritrovata a vivere un vero e proprio incubo. Un giorno, spogliando il suo bambino di due anni, si è resa conto che il piccolo aveva una strana eruzione cutanea.

Nei giorni successivi, si accorse che l’eruzione si stava diffondendo nelle altre parti del corpo. Inizialmente pensò che si fosse irritato con l’erba alta del suo giardino, ma poi si ricordò che nei giorni prima aveva visto, su Facebook, un post di avvertimento per ogni genitore, di una malattia chiamata Lyme. Dopo averla ricercata, si accorse che suo figlio aveva gli stessi sintomi. Non avendo però la sicurezza, decise di portarlo subito dal medico. I suoi sospetti furono conservati, il piccolo aveva la malattia di Lyme, che si diffonde dopo il morso di un comune parassita, la zecca. La fortuna è che Karen si sia insospettita, dando così la possibilità ai medici di intervenire prima che fosse troppo tardi. Grazie ad una cura di antibiotici, il piccolo si sentì presto meglio. La malattia di Lyme può essere molto pericolosa se non trattata. L’infezione può causare  meningite, artrite e, nel peggiore dei casi, paralisi. Come primo segno della malattia, compare un eritema a forma di occhio di bue, chiamato eritema migrans (EM). Nelle settimane va ad espandersi e le pelle può risultare dura e calda al tatto.


Successivamente possono compare altri sintomi, tra cui: febbre, brividi, mal di testa, dolori muscolari, ingrossamento dei linfonodi.

Questa mamma ha voluto raccontare la sua storia, per informare ogni genitore.

Sta arrivando l’estate e questi parassiti sono più comuni di quanto pensiamo.

Condividete e prestate attenzione!