Bambino di 3 anni viene deriso dai bulli per il colore dei suoi capelli

E’ un dovere di genitore assicurarsi che il proprio bambino sia sano e felice. Lui diventa la priorità assoluta e la sua felicità, la nostra felicità. Per questo, il peggior incubo di un genitore, è proprio quello di vedere un figlio soffrire. Provate ad immaginare se un giorno, vostro figlio venga da voi e vi dica: mamma cosa c’è di sbagliato in me?

 

Questo è quello che è accaduto a Lauren Russel, mamma di un bambino di tre anni che è stato torturato e insultato su un mezzo pubblico, da altri bambini che lo ritenevano brutto per i suoi capelli rossi. Lauren si è sentita così indignata che ha deciso di scrivere un lungo post su Facebook, pregando tutti di condividerlo, affinché il suo messaggio contro il bullismo, potesse arrivare forte e chiaro:

“Oggi il mio cuore si è spezzato.

Mentre stavo viaggiando su un autobus pubblico, ho assistito ad un comportamento crudele verso mio figlio di 3 anni, da parte di un ragazzetto di circa 13 anni. Dopo di lui, tutti i suoi amici hanno fatto lo stesso. E perché? Perché provavano gusto a deridere i suoi capelli rossi e le sue adorabili lentiggini.

‘I servizi sociali dovrebbero prenderti e portati via, perché il colore dei tuoi capelli è disgustoso.’ ‘Se mai avrò un bambino con i capelli rossi, lo ucciderò.’

Il mio bambino li guardava confuso. Sono andati via e, prima che potessi dirgli di ignorarli, si è avvicinato e mi ha domandato perché i suoi capelli non piacevano alla gente e se potevo fare qualcosa per cambiarlo e renderlo più bello. Mi ha chiesto di diventare come suo fratello, che non ha i capelli rossi. Sto scrivendo questo post per il mio bambino, perché voglio dimostrargli che i bulli sono in minoranza e che, a questo mondo, esistono anche tante persone buone, che lo accettano e lo trovano bello , per quello che è.

Voglio dimostrargli che esistono persone gentili, che non giudicano e non feriscono. Voglio che condividiate questo post, per mostrare a tutti quant’è bello il mio bambino. Voglio mostragli quanto bene c’è in ognuno di voi. Non è giusto discriminare qualcuno per il colore dei capelli. Ne ora, ne mai. Grazie”

Il reale scenario dietro il film "Matilda sei mitica"

Il reale scenario dietro il film "Matilda sei mitica"