Bambino nato con meno dell’1% di probabilità di sopravvivere, batte ogni aspettativa

Questo bambino era nato con meno dell'1% di probabilità di sopravvivere. Eppure ha lasciato tutti increduli!

Home > Mamma > Bambino nato con meno dell’1% di probabilità di sopravvivere, batte ogni aspettativa

Una famiglia di Indianapolis ringrazia ogni giorno per il miracolo che il Signore ha deciso di regalare al loro bambino. Un neonato venuto al mondo con meno dell’1% di probabilità di sopravvivere. Che contro ogni pronostico è riuscito non solo a nascere, ma anche a lottare per poter crescere e diventare più grande. Ha una forza da vendere Rowan.

Questa è la storia di Daniel Breyts e Jess Novac, che nel 2018 hanno accolto nelle loro vite Rowan. Il bambino non ha iniziato facilmente la sua vita. È nato tre mesi prima del termine e quando è venuto al mondo pesava poco più di un chilo. Un bambino prematuro al quale i medici avevano dato pochissime speranze di vita. La sua esistenza era appesa a un filo. I dottori dell’ospedale avevano detto a Daniel Breyts e Jess Novac che Rowan aveva meno dell’1 per cento di possibilità di vivere. Consigliarono loro di organizzare già il funerale. Jess ha raccontato che viveva un equilibrio precario. Il suo più grande desiderio era che il loro bambino potesse sopravvivere. Ma era una persona realista. Le avevano detto che suo figlio stava per morire. Non voleva che provasse dolore. Per due mesi hanno atteso per vedere cosa sarebbe successo: Rowan soffriva anche di enterocolite necrotizzante. Un giorno decisero di portarlo al Riley Hospital for Children per vedere cosa poteva essere fatto. Quei medici hanno compiuto il miracolo.

Rowan è stato sottoposto a intervento quattro giorni dopo: i medici hanno ridato speranza alla famiglia, intervenendo là dove i loro colleghi dell’ospedale dove si trovava ricoverato prima non avevano osato darne.

Dopo 209 giorni di terapia intensiva neonatale, è tornato a casa. Anzi, ha visto la sua casa per la prima volta.

Ora Rowan cresce e sta bene. È un piccolo guerriero e continuerà a lottare per la sua vita, insieme a mamma e papà!

Leggete anche: Il miracolo di Hailey, la gemellina in coma