Bimbo di 5 mesi perde la vita dopo 3 giorni di lotte da parte dei genitori. Non aveva il coronavirus, ma è stato proprio a causa del Covid-19 che ha perso la vita. Ecco cosa è accaduto

Bimbo di 5 mesi perde la vita dopo 3 giorni di lotte da parte dei genitori. Non aveva il coronavirus, ma è stato proprio a causa del covid 19 che ha perso la vita. Ecco cosa è accaduto

Dei genitori di due figli, a Siviglia, denunciano l’assistenza medica che il loro bambino di cinque mesi ha ricevuto dalla sanità pubblica dell’Andalusia, poiché dopo aver presentato vari sintomi di disagio, gli è stato detto che il loro figlio aveva solo un virus di passaggio. In realtà il minore è finito per morire di appendicite giorni dopo.

“Ci hanno detto che l’unica cosa che potevamo fare era dargli del “paracetamolo,” mettergli dei panni freddi, e fargli molte docce, così il virus sarebbe scomparso, ma soprattutto, non dovevamo portarlo da nessuna parte, dovevamo rimanere a casa. Gli hanno controllato la gola, la febbre e poco altro, ci hanno dato l’impressione che stessero solo guardando se fosse coronavirus. Abbiamo detto loro che eravamo spaventati, ma non ci hanno dato altra soluzione. Alla fine la loro risposta fu: non è il coronavirus”, hanno detto.

Il bambino della coppia, che ha preferito rimanere anonima, ha iniziato a sentirsi male il 29 marzo. «Quel giorno abbiamo visto che aveva un po’ di febbre. Ha iniziato a variare tra 37 e 39 gradi, ma con tutta la confusione causata dalla pandemia nei centri sanitari, abbiamo aspettato un altro giorno. Abbiamo anche chiamato il 112, ma ci hanno detto di aspettare “, hanno detto ai media di “El Mundo “. Il giorno successivo, vedendo che il bambino si sentiva ancora male, decisero di portarlo al centro sanitario di San Hilario, Dos Hermanas, nel tardo pomeriggio: “C’erano due pediatri e la verità è che stavano già finendo il loro turno. Ci hanno trattato un po’ male ma hanno finito per darci la priorità di un caso di emergenza ”, hanno riferito.

Secondo loro, a San Hilario c’è stato un momento chiave nella cura del minore: il pediatra chiese loro quale fosse il problema, quasi non visitando il piccolo, e ripetendo loro che probabilmente si trattava solo di un virus passeggero, normale a quell’età del bambino. Ripetè loro di restare a casa e di somministrargli del semplice “paracetamolo“.

La madre del neonato cercò di opporsi a quello che il pediatra sosteneva. Ma quest’ultimo insistette sul fatto che fossero troppo agitati, e che la cosa più sicura per tutti era quella di restare a casa il più possibile. Martedì 31 marzo il centro li contattò per chiedere gli sviluppi della situazione del bambino: «Il pediatra ci ha chiamato alle 10 del mattino, per dare seguito al telefono. La madre rispose: stanchezza, diarrea, nausea e febbre altalenante. Presero nota, ma nient’altro. La madre chiese loro se non ci fosse qualche maniera per fagli fare qualche esame aggiuntivo, ma ricevette una risposa negativa. I genitori pensarono che forse il tutto poteva essere dettato dal fatto che al bambino stessero nascendo i primi dentini.

I giorno successivo chiamarono il 112 per chiedere loro di portare il bambino in ospedale. La risposta fu negativa. L’ospedale sosteneva che in ospedale il rischio fosse molto alto. Chiamarono il Centro Salud Responde, il numero dedicato alle informazioni sulla salute della Junta de Andalucía, e dissero loro che li avrebbero messi in contatto con un pediatra. Dopo aver ricevuto la chiamata di un pediatra e dopo avergli raccontato tutto ciò che era successo al piccolo, disse loro che si trattava di Gastroenterite

“Il pediatra mi ha quindi detto di prendermela comoda, che poteva durare da tre a cinque giorni, di continuare con bagni freschi e somministrazione di paracetamolo.” Il giorno successivo, il 1 ° aprile, si verifica l’esito fatale: «Verso le 11:30 abbiamo visto che il suo ventre stava iniziando a gonfiarsi, ed aveva anche convulsioni. Avevamo molta paura. Lo abbiamo portato di corsa a San Hilario », racconta la madre”.

Presero immediatamente in cura il bambino: «Dopo aver subito un arresto cardiorespiratorio, hanno detto che non avevano risorse per occuparsi del neonato, e decisero di trasferirlo alla Virgen de Valme. “Quando siamo arrivati, un’infermiera è uscita e mi ha portato in una piccola stanza. Lì mi dissero che era morto, che aveva avuto un altro arresto cardiorespiratorio e che non erano stati in grado di rianimarlo. La causa? un’appendicite“.

I genitori rimasero scioccati. La pandemia, è un evento che ha scombussolato il mondo intero, è un evento speciale, e difficile per tutti. Ma questo non giustifica il trattamento che il piccolo ha ricevuto. “Sono tutti dedicati al coronavirus, e sembra che le malattie restanti, vengano ignorate” ha detto la madre. Aggiunge: “vogliamo che giustizia sia fatta, e sicuramente ci affideremo alle vie legali”.

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

Dana sente alcuni strani sintomi al settimo mese di gravidanza e va subito dal dottore

Il bacio del defunto

I medici le dissero che quello che aveva nella pancia non era possibile. Ma al momento del parto furono costretti a rimangiarsi le parole

La bambina è fuori di sé, il medico, frugando tra i capelli, scopre la ragione

Le forbici non tagliano bene? Ecco come renderle taglienti in 5 minuti

Pensava di essere incinta di due gemellini ma la vita aveva altri progetti per lei