Cause, rimedi e prevenzione per la dermatite da pannolino

L’argomento più discusso, soprattutto con l’arrivo del caldo, è la dermatite, o eritema da pannolino. Si tratta di un’infiammazione e/o un irritazione della pelle del bambino, nella zona coperta dal pannolino (sederino e zone intime). Questa condizione si presenta maggiormente nei bambini tra i 3 e i 15 mesi e quando iniziano ad alimentarsi con cibi solidi. Di seguito vi abbiamo elencato le cause, la prevenzione e i trattamenti.

  • Cosa è la dermatite o eritema da pannolino?

Come abbiamo detto in precedenza, si tratta di un’infiammazione della pelle nelle zone coperte dal pannolino (genitali e sederino). E’, purtroppo, una condizione molto comune che si presenta quasi sempre durante i primi 2 anni dei bambini. Può essere più o meno grave, la forma più comune è definita dermatite irritativa. La pelle appare arrossata e, a volte, gonfia e calda al tatto. L’eritema può presentarsi a chiazze oppure in modo esteso.

  • Ma da cosa dipende?
  1. Il pannolino è troppo stretto
  2. La pelle del bambino non è tenuta asciutta e pulita
  3. Avete lasciato troppo tempo la “pupù” al vostro bambino
  4. Presenza di acidi nelle feci (diarrea)
  5. Allergia a saponi o detergenti
  6. Ammoniaca (presente nell’urina)

  • Come riconoscere la dermatite da pannolino?
  1. Nei maschietti, la zona del pene e dello scroto è molto rossa
  2. Nelle femminucce, la zona della vagina appare rossa e squamosa
  3. Brufoli, vesciche, ulcere, piaghe e pus
  4. Forte prurito

La cosa più importante è non trascurare quella che può sembrarvi una ” semplice” dermatite irritativa, perché c’è il rischio che la zona venga attaccata da funghi e batteri. Quale trattamento utilizzare? Come prima cosa, si deve cercare di mantenere l’area sempre asciutta e pulita. Poi, si deve cambiare frequentemente il pannolino, anche di notte. Può essere utile applicare un velo sottile di crema protettiva ma senza farne un abuso! Se si utilizzano pannolini usa e getta, si può provare a cambiare marca, poiché il problema dipende anche dalla pelle del bambino e dalla sua sensibilità verso un determinato prodotto.

Vi consigliamo:

  1. Evitare l’uso di salviette umidificate, ma solo acqua e sapone.
  2. Asciugare sempre la zona tamponando e non strusciando
  3. Attenzione al pannolino, non deve essere stretto!
  4. Lavare sempre le mani prima e dopo ogni cambio
  5. Idratare la zona con crema protettiva, ma non troppa!

Non allarmatevi perché è una condizione molto comune! Seguite questi semplici consigli e vedrete che nel giro di pochi giorni scomparirà. Condividete con tutte le vostre amiche mamme!

La rara storia di tre gemelli

La rara storia di tre gemelli

La gravidanza è contagiosa

La gravidanza è contagiosa

A 13 anni ha costruito da solo la sua casa

A 13 anni ha costruito da solo la sua casa

La punizione di Haley Hassell

La punizione di Haley Hassell

Adolescenti incinte stanno prendendo una cattiva abitudine per avere bambini piccoli

Adolescenti incinte stanno prendendo una cattiva abitudine per avere bambini piccoli

L'inferno della famiglia Dodd

L'inferno della famiglia Dodd

Lucas il primo bambino che ha fatto la storia

Lucas il primo bambino che ha fatto la storia