cose che non dovremmo mai fare a un bambino di pochi mesi

Anche se molti credono il contrario, queste sono le sei cose che non dovremmo mai fare a un bambino di pochi mesi

È molto comune sentire le madri dire che vengono bombardate con diversi consigli su come prendersi cura dei loro figli, specialmente quando sono neonati. Le opinioni sono diverse, in base alle esperienze di vita, ma è molto importante considerare oggettivamente ciò che può influenzare il benessere fisico ed emotivo.

Ogni bambino è diverso, ma le necessità per una corretta crescita sono uguali. Con questo non intendiamo dire che sia molto semplice, ma prestando attenzione e imparando ad ascoltare i nostri bambini possiamo rendere il complesso più semplice e più felice. Diamo un’occhiata agli errori più comuni: 1.- IGNORARE IL BAMBINO:
I bambini fin dalle prime ore di vita comunicano piangendo, emettendo suoni o agitando le braccia. Anche dal grembo materno, il legame che esiste con la madre permette loro di comunicare attraverso canzoni, parole, movimenti e questo porta loro benessere emotivo. I primi quattro mesi di vita dei bambini, è quando viene stabilito il livello di reattività tra il bambino e sua madre, che si rafforza ogni giorno e solo anni dopo possiamo vedere il risultato. Ecco perché è così importante stare sempre attenti alle loro espressioni facciali e al loro pianto, che sarà diverso per ogni necessità e dobbiamo imparare a riconoscerlo. Sta cercando di dirci qualcosa ed è nostro dovere ascoltarlo e aiutarlo a fornire un ambiente sicuro e pacifico. “Ignoralo, passerà. Non devi prestare molta attenzione” , te lo hanno mai detto? Probabilmente sì, l’avrai sentito accompagnato dalla frase tipica: “Lo stai rovinando così sarà viziato “.

È proprio in base all’attenzione che ricevono nei loro primi anni di vita che vengono determinati gli effetti dei geni e delle loro funzioni. E’ importante imparare che non piangono per la rabbia, ma stanno comunicando nel solo modo che conoscono, è sta a noi percepire di che cosa hanno bisogno e come possiamo aiutarli. La nostra compagnia è essenziale per farli sentire al sicuro, un bambino ignorato sarà probabilmente un adulto che si stresserà molto facilmente, con bassa autostima e difficoltà di relazione.

2.- SCUOTERLO:
Può essere per gioco o molto peggio, per frustrazione, ma in ogni caso non scuotere mai un bambino, questo può far sì che il tuo cervello fragile si muova avanti e indietro e possa soffrire di contusioni nel cranio E emorragie, danni cerebrali permanente e potrebbe persino perdere la vita.

3.- “NON ABITUARLO ALLE BRACCIA”:
Stiamo parlando di un essere che sta scoprendo il mondo e dipende da un adulto per vivere? Ha appena lasciato l’utero dove si trovava sempre alla giusta temperatura e si sentiva completamente al sicuro.
La cosa più sensata per il loro normale sviluppo è di fornire sicurezza e si sentiranno al sicuro tra le braccia dei loro genitori, e questo è più importante della libertà di cui potete aver bisogno. Questa dovrebbe essere la tua priorità. Soprattutto fino all’età di 18 mesi, è essenziale che il bambino senta affetto e contatto corpo a corpo, per stabilire collegamenti. Una separazione di 3 ore al giorno dal bambino può causare abbastanza stress nel bambino da sviluppare reattività allo stress e sviluppare deficit di memoria. Riduce anche l’attività dei recettori della serotonina e dell’ossitocina.

4.- COLPIRE IL BAMBINO:
Per insegnare a un bambino che un comportamento non è appropriato, non è necessario per ricorrere alla violenza, stanno scoprendo, imparando e noi adulti siamo responsabili. Basta dare loro una spiegazione con una voce ferma e capiranno, ma non è mai un’opzione attaccarli fisicamente o verbalmente. Così impareranno che per correggere una persona amata si può dare e ricevere violenza perché “è per sempre” , impareranno il comportamento dalla paura ma non perché sono consapevoli di ciò che è giusto.

5.- LASCIARLO DORMIRE A PANCIA IN GIù:
La posizione più raccomandata dagli esperti per evitare la morte improvvisa è che i bambini dormano sulla schiena.

6.- “NON FARLO DORMIRE TRA LE TUE BRACCIA”:
Molte volte ho sentito questo. Le abitudini del sonno sono apprese fin dai primi mesi di vita, possiamo rassicurare i bambini prima di metterli a dormire nella culla. Molte volte i bambini si svegliano e quando si sentono non protetti piangono immediatamente, trasmettendo così la loro angoscia e la loro paura. Se noi adulti a volte sentiamo la paura, dobbiamo capire che i bambini hanno bisogno di molta sicurezza che solo i loro genitori possono trasmettere. È importante aiutarlo, cantare una canzone, dire parole dolci.

Credeva che la sua bambina stesse facendo una bolla nella sua pancia, invece...

"Stavo assistendo un parto quando, all'improvviso ho sentito del liquido ma..."

Da l'esame per la laurea durante la nascita di sua figlia

E' nata a 21 settimane di gestazione, la storia di Miracle baby

Copri tuo figlio: tutto ciò mentre era in fila al supermercato

Si è aiutata con dei farmaci per rimanere incinta, ma quando è andata a fare l'ecografia...

Scopre quello che fa realmente il marito nelle sue ore di lavoro straordinarie