Credevano che la bambina fosse la loro figlia

Credevano che la bambina fosse la loro figlia, ma quando ha compiuto due anni, hanno cominciato a notare che c'era qualcosa che non quadrava nei suoi lineamenti. Non sono riusciti a passarci sopra, ed è dopo il test del DNA che tutto è andato in frantumi

Home > Mamma > Credevano che la bambina fosse la loro figlia

Per una coppia che si ama, una delle illusioni più belle è avere un figlio. Quando non riescono a farlo in modo normale, ci sono opzioni come l’inseminazione assistita, ma a volte non tutto va come desiderato, questo è successo a una coppia del New Jersey. La coppia formata da Kristina Koedderich, 47 anni, e Drew Wasilewski, 49 anni, ha avuto difficoltà ad avere un bambino.

Hanno cercato aiuto presso l’Istituto di Medicina e Scienze della Riproduzione di San Bernabé, dove hanno subito un trattamento per il quale hanno pagato $ 500.000. Erano molto felici quando hanno confermato che Kristina che era incinta. Ebbero una bellissima bambina, dopo aver utilizzato l’inseminate artificialmente attraverso la fecondazione in vitro, cosa si può chiedere di più alla vita?

Ma, dopo due anni, qualcosa cominciò a disturbarli, la bambina aveva caratteristiche simili a quelle degli asiatici. Erano una coppia bianca americana, qualcosa non andava. Nel dubbio, si sottoposero a un test del DNA, il risultato fu ottuso e desolante, c’era una probabilità dello 0% che Drew fosse il padre.

Ha anche mostrato che la creatura aveva nella sua composizione genetica un disturbo del sangue che affligge, in particolare, le persone nel sud-est asiatico. I Wasilewski hanno intentato una causa contro la clinica, sono tenuti a risarcirli finanziariamente perché l’errore commesso ha causato loro grandi sofferenze e dolori.

La coppia è stata molto colpita dall’accaduto e alla fine ha deciso di divorziare. Devono sapere chi è il vero padre della ragazza e Drew vuole sapere se il suo sperma è stato usato su qualcun altro.

Il giudice della corte superiore della contea dell’Essex, Keith Lynott, ha ordinato alla clinica di fornire l’elenco di tutti gli uomini e le donne che hanno usufruito dei servizi, durante il periodo in cui la coppia richiedente ha ricevuto il trattamento.

Gli avvocati dell’istituto sono riluttanti a presentare l’elenco, sostenendo che la fornitura di tali informazioni violerebbe la legge sulla portabilità e la responsabilità dell’assicurazione. David Mazie, avvocato difensore di Kristina e Drew, chiede che venga consegnata perché hanno il diritto di sapere da dove viene la loro figlia.

“Hanno il diritto di conoscere la sua composizione genetica e se c’è stato un problema”, ha detto Mazie. Gli ex coniugi, non rifiutano l’idea che una volta che che sarà apparso il padre biologico della bambina, possano avere contatti con lui.

L’importante è che queste persone adorino la loro bambina e si prendano cura di lei. La creatura non è da biasimare per gli errori commessi dal personale clinico negligente.