Dermatite da pannolino? Cause, rimedi e prevenzione.

Argomento “di fuoco”, soprattutto in questi mesi estivi. La dermatite da pannolino, o eritema, è caratterizzata da un’infiammazione e/o irritazione della pelle, nella zona (sederino e genitali) coperta dal pannolino. La condizione è più comune nei bambini tra 3-15 mesi, può essere più evidente quando i piccoli cominciano a mangiare cibi solidi. Ecco allora: cause,  trattamenti e  prevenzione.

Che cos’è la dermatite (o eritema) da pannolino?

Come abbiamo già detto, la dermatite (o eritema) da pannolino, è un’infiammazione della pelle del bambino, soprattutto nella zone genitale o sul sedere. Si tratta di una condizione comune, che quasi tutti i bambini ‘assaporano’ almeno una volta nei primi due anni di vita, quando stanno per molto tempo seduti. La forma più comune è dovuta ad irritazione: dermatite irritativa. Si manifesta con arrossamento della pelle, che in alcuni casi può apparire leggermente gonfia e calda al tatto. L’eritema può essere limitato  (qualche chiazza in uno o più punti) oppure esteso.

Ma, da cosa dipende la dermatite da pannolino?

Il pannolino è troppo stretto e strofina la pelle

Il bebè non è tenuto asciutto e pulito

Tanta pupù!

Presenza di acidi nelle feci (quando il bambino ha la diarrea)

Reazioni allergiche a saponi o detergenti utilizzati per lavare il bambino

Ammoniaca (presente nell’urina)

Come riconoscere una dermatite da pannolino?

Nei bambini, la zona del pene e dello scroto è molto rossa;

Nelle femminucce, vagina infiammata e squamosa;

Brufoli, vesciche, ulcere, piaghe e pus;

Forte prurito

E’ importante non trascurare una “semplice” dermatite irritativa, perché il rischio che la zona venga colonizzata da batteri e funghi è molto alto. Il trattamento?? La prima cosa da fare, è cercare di mantenere l’area la più asciutta e pulita possibile. Inoltre è importante cambiare frequentemente il pannolino del bambino, anche se questo vuol dire svegliarlo nel cuore della notte. Può essere utile applicare un sottile velo di una crema protettiva, ma attenzione a non abusare di questi prodotti! Se si usano pannolini usa e getta, si può provare a cambiare marca, infatti alcuni bambini hanno una pelle molto sensibile, che reagisce a questi cambiamenti.

E’ consigliabile:

Evitare l’uso di salviettine umidificate, meglio acqua e sapone!

Asciugare sempre la zona tamponando con un asciugamano, mai strofinare!

Il pannolino non deve essere stretto!

Lavate sempre le mani prima e dopo il cambio del bebè!

Idratare con crema protettiva, regolate le somministrazioni!

La condizione è molto comune, quindi non allarmatevi. Basterà pochissimo per non incappare nella fastidiosissima dermatite da pannolino, seguite questi semplici accorgimenti e vi troverete molto bene!n Condividete mammine!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio”, la sua risposta commuove tutti

Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio”, la sua risposta commuove tutti

A 11 anni è rimasta incinta, quando hanno scoperto chi era il padre, nessuno ha detto più una parola

A 11 anni è rimasta incinta, quando hanno scoperto chi era il padre, nessuno ha detto più una parola

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

Questo cane non si muove dal letto fino a quando la sua mamma scopre che

Questo cane non si muove dal letto fino a quando la sua mamma scopre che

10 consigli per essere una mamma serena: come prevenire la depressione post-parto

10 consigli per essere una mamma serena: come prevenire la depressione post-parto

12 consigli che ogni uomo dovrebbe seguire per conquistare una donna

12 consigli che ogni uomo dovrebbe seguire per conquistare una donna

Non era il suo primo parto ma quando ha visto il suo bambino, lei non se lo aspettava

Non era il suo primo parto ma quando ha visto il suo bambino, lei non se lo aspettava