Dovevano andare al centro estivo, ma non ci sono mai arrivati

Per nessun genitore è facile superare la morte di un figlio, molti non si riprendono affatto. E’ la sensazione più brutta che si possa provare nella vita, peggio della propria morte. Elaborare e realizzare ciò che è accaduto, richiede tempo e tanto aiuto. Speriamo che questa storia possa lasciarvi un’importante lezione, da rimanervi in testa e da tormentarvi per il resto della vita, così che ogni volta che farete una cosa del genere, possiate pensare a questa famiglia.

Lindsey e Edward Schmidt,una coppia innamorata con 3 figli (Caleb di un anno, Weston di 4 e Owen di 6) e un altro in arrivo, nel grembo di mamma, sono i protagonisti di questa triste storia. La loro vita era perfetta, la notizia dell’arrivo di un fratellino, aveva portato tanta gioia e felicità. Lindsey incinta e con 3 figli si stancava molto, quindi decise di iscrivere i suoi bambini al centro estivo, così da farli divertire e da godersi la gravidanza.

Ma quei bambini non sono mai andati al centro estivo. Il primo giorno, durante il tragitto, un camion ha preso in pieno la macchina di Lindsey, stroncando le loro vite. Caleb, il bambino di un anno e la vita che la mamma portava nel grembo, sono morti sul colpo, Linndsey e gli altri due bambini sono stati portati in ospedale ma non ce l’hanno fatta. Edward era distrutto, la sua vita era finita insieme alle loro. Si domandava perché, perché a lui, non riusciva a crederci… non poteva essere vero…

Il conducente del camion aveva riportato leggere lesioni, lui che non si era fermato allo stop, lui, il colpevole, era vivo! La rabbia gli invadeva il corpo e la cosa peggiore è stata quando ha scoperto il motivo dell’incidente. Il camionista, un ragazzo di 25 anni, stava mandando un sms e si era distratto. Quando ha rialzato la testa, era ormai troppo tardi, ha provato a frenare ma è stato inutile.

Tutti gli abitanti hanno sostenuto questo papà e la città è stata ornata con fiocchi bianchi per commemorare la loro morte.

Dove è accaduto l’incidente, le persone hanno lasciato fiori, peluche, palloncini, giocattoli…

Una storia triste ma che ci auguriamo possa servire di lezione. Sapete quanti incidenti accadono per colpa del cellulare? Non lo nemmeno immaginate! Quando guidate non dovete mai usare il cellulare! Se è urgente, accostate e rispondete. Come vi sentireste se, per colpa vostra, perdesse la vita un altra persona? O peggio, come in questo caso, una mamma con 4 figli, uno non ancora nato? Un SMS che può distruggere una famiglia e rovinarvi la vita per sempre. Condividete questo articolo amiche, cerchiamo di far prendere coscienza a più persone possibile. MENTRE SI GUIDA, NON USATE IL CELLULARE!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Tutti rimasero scioccati nel vedere il bambino così diverso

Tutti rimasero scioccati nel vedere il bambino così diverso

Lascia sua figlia con la baby-sitter, ma quando rientra...

Lascia sua figlia con la baby-sitter, ma quando rientra...

Sono passati otto anni dalla famosa e incredibile nascita degli 8 gemelli. Eccoli oggi...

Sono passati otto anni dalla famosa e incredibile nascita degli 8 gemelli. Eccoli oggi...

Vende la culla del suo bambino volato in cielo. Una settimana dopo l'acquirente torna

Vende la culla del suo bambino volato in cielo. Una settimana dopo l'acquirente torna

Durante la cena con il futuro genero, inizia ad avere dei sospetti. Poi scopre la verità...

Durante la cena con il futuro genero, inizia ad avere dei sospetti. Poi scopre la verità...

Se vedi una farfalla viola sulla culla di un bambino, non fare domande alla mamma. Ecco perché

Se vedi una farfalla viola sulla culla di un bambino, non fare domande alla mamma. Ecco perché

La storia del raro caso di superfetazione, una donna rimane incinta mentre lo era già

La storia del raro caso di superfetazione, una donna rimane incinta mentre lo era già