Ecco perché i genitori non dovrebbero mai litigare di fronte ai figli

Avete presente cosa possa rappresentare un litigio per loro?

Litigare di fronte ai propri figli non va mai bene: potete anche solo lontanamente immaginare quale sofferenza possa essere per loro? Uno studio condotto dall’Università del Vermont ha rivelato che i conflitti anche minori possono influenzare negativamente il modo con cui i piccoli si approcciano alle emozioni estremi. E tutti i bambini ne sono coinvolti.

Lo studio è stato condotto su 99 bambini con età compresa tra i 9 e gli 11 anni, di cui 56 erano di sesso maschile. Ai piccoli sono state mostrate fotografie di attori che rappresentavano coppie che esprimevano diverse emozioni, come felicità, tristezza e neutralità. Ai bambini è stato chiesto di spiegare quello che stavano osservando ed è anche stato domandato loro se avessero mai assistito a dei litigi tra i genitori. A loro volta anche i genitori hanno compilato un questionario, riguardante la timidezza dei figli. I risultati hanno dimostrato che i bambini che vivevano in una casa con un livello di conflittualità minimo, potrebbero descrivere ogni emozione senza alcun problema. I bambini che, invece, vivono con genitori che discutono spesso in casa, potrebbero riconoscere solo le emozioni estreme rappresentate nelle fotografie, ma non quelle che ad esempio mostravano la neutralità. A cosa si deve questa sottile differenza? Al fatto che i bambini abituati a vedere i genitori litigare sono più attenti alle situazioni di conflitto estendendo questa percezione a ogni campione di emozioni neutre.

I bambini non riescono a capire quando in realtà non esiste alcun conflitto.

La timidezza, in particolare, è considerata un ostacolo per i bambini che non sarebbero quindi in grado di identificare le varie sfumature delle emozioni. Da adulti l’incapacità di leggere le emozioni neutre può causare danni relazionali con colleghi o partner. Ma anche difficoltà a gestire e regolare le proprie emozioni.

Se capita di litigare davanti ai figli, cosa che sarebbe meglio evitare, dopo bisogna parlare con i bambini e spiegare i motivi del disaccordo, per far capire ai piccoli che le discussioni a volte servono per trovare una soluzione insieme.

Se le liti sono costanti e aggressive, forse è meglio iniziare una terapia famigliare.

Lascia suo figlio, appena nato, chiuso in macchina, con un biglietto

Non la lascia sola nemmeno per un secondo

La coppia perde il loro bambino, ma 4 giorni dopo arriva il miracolo

Stavano per far nascere il suo bambino con il cesareo ma alla fine hanno dovuto ricucirla

Il bambino si muove e piange all'interno del sacco amniotico senza sapere che è nato

Un'inaspettata e meravigliosa sorpresa

Ha disperatamente bisogno di usare il bagno, ma i dipendenti le danno una risposta assurda