Ero disperata, non sapevo cosa avesse il mio bambino…

“Avevo partorito mio figlio da soli 3 mesi, ero una neo mamma, mi chiamo Sthefanie Smith. Decidemmo di chiamarlo Isaia che voleva dire “Dio è la mia salvezza,” “Dio è il mio aiuto.” Credevo che sarebbe stato facile i primi mesi del piccolo a parte la notte. Infatti ero felice di mio figlio ed i primi mesi stava bene, fino al compimento del terzo mese che iniziarono a sorgere i problemi, gli nacque un macchia rossa sulla guancia e non sapevo di cosa si trattasse, credevo che avesse sbattuto, però con il passare dei giorni la macchia cresceva sempre di più. Anzi si iniziò a spargere per tutto il corpo..


Con il passare dei giorni, tra varie creme e oli, non la smetteva di crescere anzi divenne una ferita. Andai dal pediatra e mi disse che era un eczema e di mettere la crema al cortisone, provai per due settimane, ma nulla. Non diminuiva. Non mi fidavo più del mio medico, così andai in ospedale ma anche lì , eczema e sempre crema al cortisone. Mi consigliarono anche di metterlo spesso in acqua, per lui era un sollievo al dolore.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Non ce la facevo più, mio figlio non dormiva, non mangiava e non rideva e scherzava come gli altri neonati. Lui piangeva per il dolore ed io piangevo con lui. Non sapevo come aiutarlo, in casa non si viveva più. La mia e la famiglia di mio marito non potevano crederci a quello che ci stava succedendo, cercavano di aiutarci in tutti modi, ma non ce la facevo a lasciarlo senza di me, anche solo per andare a fare la spesa.

Dopo aver visitato trentacinque medici e tutti con la stessa diagnosi, ero disperata. Volevo morire insieme a lui, è brutto da dire, ma non sapevo cosa fare. La sua pelle non si poteva toccare che cadeva, non potevamo nemmeno abbracciarlo. Finché insieme a mio marito decidemmo di smettere con il cortisone e creme varie, oramai non avevamo più altre scelte, e provò con il fai da te.

Decisi di preparargli un unguento a base di citronella e zinco, con il passare dei giorni sembrava che stava migliorando, io e mio marito eravamo sbalorditi. Nel giro di due mesi Isaia sembrava un altro bambino, era felice ed io ero felice insieme a lui. Finalmente, dopo la crisi del primo anno, iniziavamo a respirare e a goderci il nostro meraviglioso bambino.

Con questo non voglio dire che i metodi fatti in casa sono sempre la soluzione, perché la medicina ha fatto i suoi progressi, però ogni tanto bisogna usufruire di entrambi. Come i rimedi che usavano le nostre nonne avvolte sono un aiuto per tutti.”