Ero stanca di mia suocera

Ero stanca di mia suocera che stava rovinando i miei figli viziandoli e ho deciso di scriverle quello che non le avevo mai detto

Conosciamo tutti la rivalità ancestrale che persiste tra suocere e nuore. Quei consigli e modi che assumono con i nostri figli, comportandosi spesso in modi che non approviamo o che vanno contro l’educazione che vogliamo inculcare loro. Probabilmente ti identifichi con una parte di questa lettera e sono sicura che cambierai il modo in cui concepisci la parola “suocera”.

UNA LETTERA A MIA SUOCERA.
Hai sempre rubato l’attenzione dei miei figli. Hai dato loro tutto quello che volevano. Non hai mai detto di no quando ti hanno chiesto qualcosa. Una seconda porzione di dessert. Dolci prima di cena. Ancora un paio di minuti nell’acqua. Soldi quando arrivava il camion dei gelati. Ho cercato di mostrarti rispetto e apprezzamento mentre cercavo di non rovinare i miei figli. Pensavo che li avresti rovinati egoisticamente dando loro tutto ciò che volevano. Pensavo che non avrebbero mai imparato ad aspettare, a fare a turno, a condividere, perché hai sempre soddisfatto i loro desideri non appena hanno aperto la bocca. Li hai cullati a lungo dopo essersi addormentati. Non hai capito che avevo bisogno che imparassero a dormire da soli? Sei corsa a vederli non appena hanno fatto il più piccolo rumore. Come possono imparare a calmarsi? Ero risentita perché hai acquistato i regali più costosi per i loro compleanni e a Natale. Come potevo competere con te? E come amavano passare i pomeriggi con te. Hai preparato le loro cose preferite per cena: tre piatti diversi per tre bambini diversi. E hai sempre avuto una piccola sorpresa. Un regalo, una caramella o un premio speciale.

Non volevo che ti associassero a regali e dolci. Pensavo che avrebbero dovuto amarti per quello che eri. Ho provato a dirti questo ma non hai ascoltato. Ho passato molto tempo a pensare perché hai fatto tutte quelle cose e come farti smettere. So che le nonne dovrebbero “viziare” e poi rimandarli a casa, ma tu eri … esagerata.

Fino a quando te ne sei andata.

Ho dovuto radunare i miei ragazzi e dire loro che la loro nonna era morta. Non sembrava possibile, dovevi essere lì per i loro momenti speciali: balli, lauree, matrimoni. Ma hanno perso la nonna troppo presto. Non erano pronti a salutarti. Durante quegli anni in cui volevo che smettessi di “rovinarli”, non ho mai pensato a quanto li hai amati. Tanto che lo hai dimostrato in tutti i modi possibili. La tua cucina, i regali, i dolci, la tua presenza, il modo in cui ricordavi ogni dettaglio dei momenti speciali, che si trattasse di una presa perfetta nel parco giochi o di una nota sbagliata in un concerto scolastico. L’amore della nonna per loro, non conosceva limiti..

Non ha senso lamentarsi, ma a volte penso a come ha pensato che tutto fosse sbagliato. Ho sbagliato a percepire la tua generosità … I miei figli, ora adolescenti, hanno una profonda nostalgia di te.

A loro manca di incontrarti alla porta e ricevere i tuoi abbracci ancor prima di mettere piede in casa. Li manca guardare dal palco di una recita scolastica e vederti, una delle loro più grandi ammiratrici, sorridente e concentrata sulla loro attenzione. Manca loro parlare con te e ascoltare le tue parole di saggezza, incoraggiamento e amore.

Se potessi parlarti un’ultima volta, ti direi che ogni volta che un momento prezioso mi ruba il cuore, ogni volta che li osservo raggiungere un nuovo obiettivo e ogni volta che sono sorpresa dalla loro perseveranza, talento o trionfi, penso a te. E vorrei che potessero riaverti indietro. Rivederti amali un’ultima volta come nessuno nel mondo. Portare i tuoi dolci e le tue sorprese. Premiarli con doni per i loro più piccoli traguardi. Preparare con cura i loro cibi preferiti. Portali ovunque tu voglia andare. Tutto solo perché li ami.

Torna indietro e vedi quanto sono cresciuti. Guarda ogni ragazzo diventare la sua versione di un giovane uomo. Guardali con me mentre, ammiriamo come la famiglia, gli amici, il tempo e l’amore li hanno aiutati a crescere così splendidamente nel corso degli anni.

E più voglio che tu torni, più mi rendo conto che non te ne sei mai andata.

Ora capisco. So che li hai amati in ogni modo possibile. So che essere la loro nonna ti ha dato gioia e scopo. E naturalmente so che non puoi tornare indietro, ma so che il tuo amore per loro rimarrà sempre. Il tuo amore li ha cementati e protetti in modi che non possono essere descritti. Il tuo amore è una parte importante di ciò che sono adesso e di ciò che saranno quando cresceranno. Per questo, per ogni premio e regalo, e ogni volta che li hai cullati troppo a lungo o li hai consolati o li hai fatti stare alzati fino a tardi, … questo è il motivo per cui ti sarò sempre grata.

E vorrei un milione di volte che potessi rifarlo.

Non posso negare che mi si è stretta la gola mentre leggevo questa semplice ma potente lettera. Le nostre suocere, nonne dei nostri figli … devono essere apprezzate mentre c’è ancora tempo.

Condividi questa lettera speciale con qualcuno altrettanto speciale ♥

Fa causa all'ospedale, dopo aver allattato, con l'inganno, il figlio di un'altra donna

Il bacio del defunto

Il tanto atteso servizio è arrivato, la futura mamma posa davanti ad una bella cascata

La rara storia di tre gemelli

Gemelle, eppure nate due giorni diversi!

Il gemello scomparso

La storia di Rachel