Acido folico a cosa serve in gravidanza

Ecco perchè si prescrive l'acido folido non solo in gravidanza, ma anche prima del concepimento.

Home > Mamma > Gravidanza > Acido folico a cosa serve in gravidanza

L’acido folico, conosciuto come vitamina B9, è fondamentale per la salute delle persone, soprattutto nella donna, prima del concepimento, durante la gravidanza e l’allattamento. Infatti, l’acido folico serve per favorire il corretto sviluppo e la crescita del bambino.

Cos’è l’acido folico e dove si trova

acido-folico-gravidanza

L’acido folico non è altro che la molecola di sintesi della vitamina B9, che si trova negli integratori alimentari o negli alimenti arricchiti con questa sostanza, come alcuni tipi di cereali.

Si chiamano invece folati, la forma di vitamina B9 che è presente naturalmente negli alimenti. I folati sono presenti nelle verdure a foglia larga, ma anche nei carciofi e negli spinaci. Anche i legumi sono ricchi di acido folico, le arance, le noci e i broccoli.

Se in condizioni normali, possiamo integrare una quatità di acido folico adaguata, in condizioni particolari, come in gravidanza, dobbiamo aumentarla significativamente con l’aiuto degli integratori.

L’utilità dell’acido folico in gravidanza

vitamina-b12-alimenti

La vitamina B9 è fondamentale durante l’evoluzione embrionaria e fetale. Stando a quanto ci dicono medici, specialisti e studi scientifici, l’assunzione di acido folico riduce molto l’incidenza di malformazioni nel neonato, in particolare si riduce il rischio di malformazioni congenite come la spina bifida.

Si tratta di una patologia grave della colonna vertebrale e che ha come conseguenza difficoltà motorie oppure difetti cardiovascolari. La spina bifida può determinare anche malformazioni del palato nel neonato.

Come si assume l’acido folico

La gravidanza può essere contagiosa. Lo ha confermato la Scienza

L’assunzione raccomandata di acido folico per la donna in età fertile, è di 400 mcg/die, a partire da almeno un mese prima del concepimento.

Dopodichè si assume una quantità pari a 600 mcg/die, per i primi tre mesi di gestazione e anche durante l’allattamento. Chiaramente è il ginecologo che deve prescrivere le quantità che una donna può prendere di acido folico durante la gravidanza, in base alle sue condizioni di salute.