Comincia ad avere le contrazioni e corre in ospedale, li le fanno un taglio cesario ma lei non ricorda più niente

Comincia ad avere le contrazioni e corre in ospedale, li le fanno un taglio cesario per far nascere le sue gemelline, ma al suo risveglio quando le spiegano cosa è accaduto...: "“Non ho capito niente. Quale parto? Quali bambine? "

Lo scorso 13 marzo, il marito di Mili era rientrato da un viaggio, hanno parlato e hanno sfatto la valigia assieme, ma Mili in seguito non riusciva a ricordarsi niente. Sa solo ciò che le hanno raccontato: che aveva delle contrazioni ed è andata al pronto soccorso. Mili aveva una polmonite, ed era polmonite da Covid-19.

Il giorno seguente, è stato ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona. Mili, 40 anni, era incinta di due gemelli e peggiorava ogni giorno.

“Era molto debole, con una grave insufficienza respiratoria. Doveva fare un taglio cesareo nella settimana 28″, ha detto il capo dell’unità neonatale dell’ospedale, Félix Castillo.

I gemelli sono nati il ​​29 marzo, e proprio come la madre, sono stati intubati per sopravvivere. I gemelli Ayma e Ayla sono nati del peso di un chilo ciascuno e sono stati collocati all’interno di incubatrici nell’unità neonatale dello stesso ospedale.

Una settimana dopo il taglio cesareo, Mili fu estubata e l’8 aprile fu dimessa dalla terapia intensiva. In quel momento la informarono di ciò che le era successo e le dissero che aveva subito un parto cesareo, e che le bambine stavano bene.

“Non ho capito niente. Quale parto? Quali bambine? “, Disse Mili. Félix Castillo ha spiegato: “Questo è l’effetto che fa l’essere sedato per 21 giorni con farmaci molto potenti. È disorientata e non ha memoria recente . Sono venuti quattro dottori e le hanno chiesto:” Sai che hai partorito? “

Ma Mili non si ricordava neppure che fosse incinta. Quando aprì gli occhi era completamente disorientata, non sapeva dove fosse. Rimase sola nella stanza e cercò di alzarsi senza successo, era troppo debole anche per alzarsi dal letto. Nel frattempo, Mili si chiedeva solo dove fosse suo marito. Secondo la spiegazione dei medici, è normale che il paziente provi disorientamento dopo che il corpo entra in contatto con determinate sostanze. Il 25/30% dei pazienti ne soffre e migliora entro pochi giorni. La risonanza magnetica eseguita, ha rilevato una lesione causata da un possibile ictus.

“L’unica cosa che avevo in mente era che mio marito non voleva vedermi. Gli ho chiesto perché non fosse con me e mi ha detto che non glielo avrebbero permesso, a causa di COVID-19, ma non ho capito niente “, ha detto.

Nella stanza di Mili hanno messo una foto dei gemelli nell’incubatrice che nel frattempo erano già state dimesse. Un mese dopo, è stata in grado di vedere di persona le sue figlie. Fino a quando non è risultata negativa al coronavirus, non è stata in grado di vederle o toccarle. Ayla e Ayma sono risultate negative al COVID-19. Mili si sta riprendendo dalle conseguenze della malattia, e non vede l’ora di accudire le sue piccole a casa.

18 cose da fare con il partner durante la gravidanza

Gravidanza: da 20 a 40 settimane

Si può rimanere incinta prendendo la pillola?

App per rimanere incinta: quali sono le migliori

L'ipotesi di un caso, altrimenti inspiegabile

Sintomi che il parto si avvicina

Acido folico a cosa serve in gravidanza