Esercizi di Kegel: come farli

Scopriamo a cosa servono e come praticare questa ginnastica importantissima, specialmente in gravidanza.

Gli esercizi di Kegel sono specifici per rafforzare il pavimento pelvico, attraverso la contrazione e il rilassamento dei muscoli pubococcigei. La cosa più difficile, per chi non ha mai svolto questo tipo di allenamento, è capire quali sono esattamente i muscoli che si devono muovere. Ecco gli esercizi di Kegel come farli.

Quali muscoli si muovono durante l’esercizio

Per capire quali sono i muscoli pubococcigei potremmo farci aiutare da uno specialista, in modo da svolgere al meglio l’allenamento.

Tuttavia possiamo capire da sole qual’ è la muscolatura interna. I muscoli da utilizzare sono quelli che muoviamo quando proviamo a trattenere il flusso di urina durante la minzione-

Potete dunque provare a fare questa cosa per idividuarela muscolatura giusta. Non si deve però praticare l’esercizio mentre si è in bagno, poiché bloccare l’urina di continuo potrebbe  interferire con il normale svuotamento della vescica e aumentare il rischio di infezioni alle vie urinarie.

Esercizi di Kegel in gravidanza

Gli esercizi di Kegel sonoconsigliati alle donne in gravidanza perché servono a preparare i muscoli pelvici, che devono essere ben elastici e forti  al momento del parto.

La muscolatura, grazie agli esercizi, risulterà più tonica; questi utlimi sono importanti anche per prevenire e minimizzare problemi come incontinenza urinaria ed emorroidi, che possono verificarsi nel post partum.

Come fare gli esercizi

Gli esercizi di Kegel possono essere fatti a casa in qualsiasi momento della giornata. Per essere efficaci,  sovrete svolgerli con costanza.

Dopo aver svuotato la vescica, sdraiatevi sulla schiena e contrarre questi muscoli, tenendo la contrazione  per qualche secondo  e poi rilassare per dieci secondi.

diastasi-addominale-esercizi

Ripetere la sequenza quattro o cinque volte di seguito, per due o tre volte al giorno.

Un altro esercizio di Kegel consiste nell’accovacciarsi con le piante dei piedi ben appoggiate a terra e le  le gambe il più possibile divaricate.

Mettere i gomiti vicino alle ginocchia,  unire le mani, e contrarre i muscoli del pavimento pelvico inspirando e decontraendolo espirando.

Questo esercizio può risultare particolarmente utile soprattutto durante il parto.

Mentre si eseguono questi esercizio,  è importante  non contrarre altri muscoli ed evitare di trattenere il respiro.

 

18 cose da fare con il partner durante la gravidanza

Gravidanza: da 20 a 40 settimane

Si può rimanere incinta prendendo la pillola?

App per rimanere incinta: quali sono le migliori

L'ipotesi di un caso, altrimenti inspiegabile

Sintomi che il parto si avvicina

Acido folico a cosa serve in gravidanza