il parto prematuro

Una madre racconta come, secondo lei, una delle sue gemelline si è sacrificata per salvare la vita di sua sorella, durante il parto prematuro

Home > Mamma > Gravidanza > il parto prematuro

Ashley Simons, 32 anni, e Mitchel, 33 anni, sono una giovane coppia che ha sempre desiderato essere genitori. Di fronte all’impossibilità di concepire in modo naturale, gli sposi hanno deciso di sottoporsi a trattamenti di fecondazione in vitro per realizzare il sogno tanto atteso. Per fare questo hanno investito cinque anni e $ 7.800, finché alla fine hanno ricevuto la notizia che erano in dolce attesa.

Si sono sentiti i più fortunati al mondo. “Dopo aver ascoltato il battito cardiaco dei miei gemelli per la prima volta, abbiamo scoperto che erano entrambe femmine. Mitchel ed io eravamo estasiati e così eccitati che il nostro sogno si era avverato “, ha detto Ashley. La coppia si era recata nella Repubblica Ceca per ottenere una fecondazione in vitro e, nonostante avesse la cervice sfiorata, Ashley ha avuto una gravidanza tranquilla. Apparentemente tutto andava bene quando la donna è entrata in travaglio dopo 24 settimane. La donna iniziò a provare dolore ma non pensò mai che fosse una nascita prematura, fino al momento in cui si ruppero le acque. Poi suo marito la trasferì al Thurrock University Hospital di Basildon. Nel posto, i dottori cercarono di fermare il parto ma era troppo tardi, Ashley era completamente dilatata. Dato questo scenario, hanno dato alla madre steroidi e solfato di magnesio per aumentare le possibilità di vita delle bambine. In condizioni così premature era improbabile che sopravvivessero. Sfortunatamente, una delle gemelle, Esme, rimase intrappolata nel canale del parto e perse la vita. Alla nascita era senza segni vitali, i medici hanno cercato di rianimarla per 5 minuti prima di dare la notizia ai genitori. Per Ashley, la piccola si è sacrificata per salvare sua sorella gemella, Isla.

I genitori sono rimasti con il corpo della bambina per tre giorni, mentre lei era in una culla fredda per i bambini deceduti. Durante questo periodo, la coppia è stata in grado di trasportare il piccolo, cambiarsi gli abiti e prepararsi per l’addio.

Da parte sua, Isla si stava riprendendo in un’unità speciale del Royal London Hospital. In quel luogo ha trascorso 54 giorni con un ventilatore per aiutarla a respirare.

Alla nascita, Isla era così piccola che i medici hanno dovuto avvolgerla in un sacchetto di sandwich per mantenerla al cado mentre la portavano nell’incubatrice. La piccola ha subito un’emorragia cerebrale di grado 4 e aveva bisogno dell’aiuto di una valvola nel suo cuore per poter sopravvivere e guarire.

“Isla è una combattente, anche ora, il sanguinamento si sta risolvendo da solo, anche se non sanno quali danni a lungo termine potrebbe avere. La valvola si è chiusa e ora può respirare da sola. Esme ha salvato la vita di Isla, senza dubbio “, ha detto Ahsley.

Per questa madre, Esme è diventata l’angelo custode di sua sorella. Ashley ritiene che ha sacrificato la propria vita nel grembo materno per salvare la sorella gemella. Dopo questa esperienza, i genitori hanno creati dei kit con articoli per l’igiene personale e altri articoli per le famiglie che stanno attraversando situazioni difficili in ospedale.

La piccola Isla è il risultato di un grande miracolo, e nel mezzo del dolore, i suoi genitori sono stati in grado di ringraziare e aiutare gli altri. Condividi la loro storia ispiratrice.