Perdita capelli post parto: perché succede e cosa fare

Si tratta di una problematica molto diffusa tra le neo mamme, ma non c'è da preoccuparsi se tenuta sotto controllo.

Home > Mamma > Gravidanza > Perdita capelli post parto: perché succede e cosa fare

La maggior parte delle persone sperimenta la caduta dei capelli ad un certo punto della propria vita e ciò può succedere anche dopo aver partorito. Scopriamo di più sulla perdita capelli post parto.

Cosa succede a seguito della gravidanza

La gravidanza è probabilmente tra le esperienza più belle per una donna, ma fisicamente impegnativa per il proprio corpo.

Per questo motivo, durante il postpartum si può subire una perdita grave die capelli, che possono cadere a grandi ciocche, non solo dopo i lavaggi, ma anche durante il giorno.

La perdita dei capelli in una neo mamma è un processo naturale e  non si arresta fino a che non il corpo non si è ripreso, ripristinandosi alle condizioni iniziali.

Cosa succede dopo la nascita del bambino

Dopo la nascita del bambino, i livelli di estrogeni diminuiscono significativamente, il che significa che i capelli nella fase Anagen (quella della crescita) vengono sbloccati e passano alla fase Catagen (quella della transizione), seguita dalla fase Telogen (il riposo).

La perdita dei capelli post parto  è innescata da un cambiamento negli ormoni, che fa cadere una quantità di capelli maggiore, rispetto alla normalità.

Questo problema di solito si verifica circa 1-5 mesi dopo il parto e la quantità persa equivarrà all’incirca alla quantità di capelli che durante la gravidanza non sono caduti.

Quando c’è da preoccuparsi

Nella maggior parte dei casi, la caduta dei capelli dopo il parto smette, i capelli torneranno alla fase Anagen e continueranno a crescere normalmente una volta che i livelli ormonali (in particolare estrogeni e progesterone) tornano alla normalità.

I capelli dovrebbero tornare al loro normale ciclo di crescita tra i 6 e i 12 mesi successivi.

Durante questo periodo è fondamentale mantenersi il più possibile liberi dallo stress e chiedere consiglio al ginecologo su cosa assumere,  vitamine e / o integratori prenatali.

E’ opportuno anche seguir una dieta nutriente ed equilibrata a base di frutta e verdura, per reintegrare minerali e vitamine persi.