Ha solo 10 mesi e pesa 28 kg, la tragica storia del piccolo Luis Manuel Gonzales

In Messico, precisamente a Tecomàn, è nato un bambino che a solo a dieci mesi pesava ventotto chili, esattamente come il fratello maggiore Mario, che però ha dieci anni. Luis Manuel Gonzales, è nato il 15 dicembre 2016, sembrava un bambino assolutamente normale.

La madre, Isabel, quando lui aveva fame, lo allattava, come si fa con ogni neonato, ma alla fine ha iniziato  a soffrire di obesità. Si è resa conto che c’era qualcosa che non andasse, così ha deciso di portarlo in ospedale per fargli fare dei controlli e per accertarsi del suo stato di salute. “All’inizio pensavo che il motivo fosse il mio latte, ingrassava perché era buono e molto nutriente ma poi ho visto che cresceva in modo sproporzionato e ho iniziato a preoccuparmi”, racconta la mamma.

La diagnosi dei medici fu: è un caso estremo di obesità e potrebbe morire per il peso e per il diabete infantile. La massa grassa continuava a crescere, senza fermarsi. “La sua obesità potrebbe essere dovuta a una “inflazione cellulare” data dalla mancanza di nutrimenti anti-infiammatori da parte della madre durante la gravidanza. Che avrebbe provocato un malfunzionamento tiroideo”, le parole del team medico, secondo il quale fargli delle iniezioni di ormoni, che però costano 555 dollari ognuna, potrebbe salvargli la vita.

Isabel, è molto povera, guadagna circa 200 dollari al mese e non può permettersi queste punture, così ha provato a chiedere aiuto a tutte le mamme del web, creando una petizione su Facebook, con la speranza di scaldare un po’ di cuori e di riuscire a salvare il suo bambino.

Luis, oggi, non riesce a stare in piedi, può stare solo seduto e cerca di prendere da solo il biberon, una scena tanto tenera, quanto triste. Fino ad ora non si hanno ancora notizie riguardo i soldi raccolti e se abbia o no iniziato la cura, ma ci auguriamo di averle presto.

Buona fortuna piccolo!