Ha un figlio da adolescente: 35 anni dopo se lo ritrova davanti

Da in adozione il suo bambino quando era solo una ragazzina. Trentacinque anni dopo, se lo ritrova davanti. Ecco cosa è accaduto.

Una storia con incredibili coincidenze. Una ragazza adolescente rimane incinta e decide di rinunciare al bambino dandolo in adozione. 35 anni dopo, la donna rivede il figlio dietro di lei. Così,  improvvisamente, dal nulla e l’emozione è tanta.

Negli Stati Uniti ogni anno circa 135.000 bambini vengono adottati. Molti di questi bambini non riusciranno mai a conoscere i genitori biologici a causa delle severe leggi che tutelano i dati relativi alla nascita. Fortunatamente la Pennsylvania ha promulgato delle leggi che rendono più facile ai bambini adottati sapere chi siano i loro genitori biologici.

Questa storia inizia 35 anni fa: all’epoca Stacey Faix aveva solo 15 anni quando rimase incinta e le venne chiesto di prendere una difficile decisione. All’epoca per Stacey c’era un’unica opzione praticabile: non poteva tenere il bambino, era troppo giovane e quindi dare il bambino in adozione fu l’unica cosa che poté fare. Stacey decise di rinunciare al bambino, convinta che non sarebbe mai più riuscita a rivederlo.

Quel bambino, nel frattempo, crebbe fino a diventare Stephen Strawn, un veterano che abitava a Pittsburgh, in Pennsylvania. Crescendo si era sempre chiesto chi fosse sua madre, ma i suoi documenti di nascita erano andati persi nel corso di un’alluvione, per cui aveva perso le speranze di ritrovarla. Arriviamo così nel 2017 quando in Pennsylvania vengono modificate alcune leggi: da allora gli adottati hanno avuto la possibilità di accedere ai loro certificati di nascita.

Stephen riuscì così a scoprire chi era la sua madre biologica: era una donna di nome Stacey Faix che viveva nell’Ohio. Entusiasta della scoperta, Stephen cercò il suo nome su Facebook, ma c’erano diversi account con quel nome. Così Stephen decise di mandare un messaggio a quella che pensava essere la probabile madre: “Ehi, ho una domanda davvero strana. Hai messo un bambino in adozione nel 1982?”. Stacey ha così risposto di sì, al che Stephen gli ha fatto notare che pensava potesse essere la sua madre biologica.

Anche se non si vedevano da 35 anni, i due avevano molto in comune: entrambi facevano parte del medesimo gruppo di supporto ai veterani, il Team RWB. E in effetti sia Stephen che Stacey avrebbero dovuto correre nella mezza maratona di Pittsburgh.

Grazie alla sezione di Pittsburgh del Team RWB, Stephen ha deciso di organizzare una sorpresa per la madre da tempo perduta: voleva sorprenderla nel bel mezzo della maratona. L’organizzazione si è data da fare e hanno cronometrato tutto al millesimo di secondo, portando lì anche i mass media per filmare la riunione.

Stephen ha fatto recapitare alla madre un biglietto dove le descriveva come erano stati i suoi 13.075 giorni dall’ultima volta che Stacey lo aveva visto. Mentre Stacey leggeva il biglietto, Stephen camminava dietro di lei. Ad un certo punto Stacey si è voltato e ha trovato dietro di sé Stephen, sorridente. La donna lo ha subito abbracciato, raggiante di gioia. Stephen è anche riuscito a incontrare le sue sorelle biologiche e dopo la maratona tutti insieme sono andati a cenare insieme.

Un'inaspettata e meravigliosa sorpresa

Un'inaspettata e meravigliosa sorpresa

Lascia sua figlia con la baby-sitter, ma quando rientra...

Lascia sua figlia con la baby-sitter, ma quando rientra...

La rucola, una verdura miracolosa

La rucola, una verdura miracolosa

E' stato l'unico parto di sei gemmelle, guardate dopo 30 anni come sono diventate!!

E' stato l'unico parto di sei gemmelle, guardate dopo 30 anni come sono diventate!!

Incinta a 42 anni, ma poi durante il parto accade qualcosa

Incinta a 42 anni, ma poi durante il parto accade qualcosa

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

"Ho sentito qualcosa in mezzo alle gambe, poi ho capito tutto"

"Ho sentito qualcosa in mezzo alle gambe, poi ho capito tutto"