Hai voglia di mordere il tuo bambino? La scienza ti spiega perché ti succede

Guardi tuo figlio, così piccolo, tenero, poi guardi tutti quei rotolini di ciccia alle braccia e alle gambe e hai una irrefrenabile voglia di riempirlo di mozzichi! Tranquilla non sei una cannibale hahahaha, è tutto normale, così normale che uno studio condotto a Yale, ci spiega che si tratta di un fenomeno con basi scientifiche chiamato “aggressione tenera”.

Ma di che cosa si tratta? Sono delle punture d’amore che servono per regolare le nostre emozioni, soprattutto quando sono così forti e incontrollabili, come l’amore verso un figlio. La coordinatrice delle ricerche, Oriana Aragòn, ha spiegato che:

“L’uomo usa diversi meccanismi regolatori che permettono di controllare ed equilibrare le proprie emozioni. In questo caso succede che esprimiamo i nostri sentimenti in modo inaspettato, con delle azioni che apparentemente dicono il contrario a ciò che realmente sentiamo e sembra che questi meccanismi giochino un ruolo fondamentale nel mantenere il nostro equilibrio emozionale. Quindi, quando vogliamo mordere qualcuno, è perché proviamo per lui un sentimento incontrollabile, troppo forte.”

Non solo, lo studio, analizzando più mamma con i propri figli, ha dimostrato anche che l’odore dei neonati fa scattare qualcosa nel cervello della mamma, una voglia di mangiarlo, la stessa cosa che il cervello prova davanti ad un piatto di gustose lasagne.

Quindi mammine, questa voglia che abbiamo di mangiare i nostri bambini è del tutto normale, vuol dire che li amiamo in modo incontrollabile, in un modo che supera ogni limite! D’altronde è questo l’amore, quello vero e sincero!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio”, la sua risposta commuove tutti

Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio”, la sua risposta commuove tutti

A 11 anni è rimasta incinta, quando hanno scoperto chi era il padre, nessuno ha detto più una parola

A 11 anni è rimasta incinta, quando hanno scoperto chi era il padre, nessuno ha detto più una parola

10 consigli per essere una mamma serena: come prevenire la depressione post-parto

10 consigli per essere una mamma serena: come prevenire la depressione post-parto

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

I vicini lo prendevano in giro mentre raccoglieva pigne: ora vanno nel suo giardino e rimangono senza parole

Nonna materna e nonna paterna: cosa pensa la scienza

Nonna materna e nonna paterna: cosa pensa la scienza

Una preghiera per Alice

Una preghiera per Alice

Questo cane non si muove dal letto fino a quando la sua mamma scopre che

Questo cane non si muove dal letto fino a quando la sua mamma scopre che