I gemelli

Dopo anni di tentativi viene dichiarata sterile e la coppia decide di adottare due gemelli. Poco dopo, la donna scopre di essere finalmente incinta e riporta indietro i suoi gemelli adottati.

Il sogno di essere genitori può diventare una salita ripida per molti, e quando quell’intenso desiderio non viene colmato, è sicuramente una causa di angoscia e tristezza. È quello che è passato attraverso la mente e il cuore di Michael e sua moglie Ali Sanders, che ha cercato per anni di rimanere incinta, ma purtroppo il loro sogno sembrava svanire quando le è stato detto che era sterile.

Fu allora, pieni di coraggio, che hanno deciso di intraprendere l’avventura di adottare un bambino che aveva bisogno del loro amore. Dopo Natale 2014, hanno ricevuto la bella notizia che erano stati approvati per diventare genitori adottivi di due gemelli di otto mesi. La cosa più incredibile è che anche uno di loro assomigliava a Michael. Com’era da immaginare, l’arrivo dei bambini riempì le loro giornate di luce a tutta la famiglia, compresi i nonni. Ma contraddittoriamente, proprio Ali non era felice come immaginava, dal momento che non era mai riuscita a creare una connessione con i bambini, quella connessione che ogni madre si aspetta. “Mi sentivo come se stessi giocando, che non era reale. Ciò che ha reso tutto più difficile è stato che Michael si è collegato immediatamente con i bambini. Si sentiva già un papà “, dice Ali. Qui è iniziata la peggiore sfida per Ali, che ha cercato di affezionarsi ai più piccoli, ma non ci è riuscita, e il tempo di test prestabilito che avevano per abituarsi ai bambini sarebbe finito presto. “Il mio ricordo principale è era seduta lì a pregare che i gemelli non si svegliassero, perché quando lo facevano, dovevo fingere di essere di nuovo una madre”, confessa.

 

Quando Michael ha visto che tutto questo comportamento non era normale in sua moglie, l’ha portata dal dottore. Ma la sua sorpresa fu enorme quando, dopo da un test delle urine, scoprirono che Ali era incinta. Altri genitori avrebbero reagito accettando il loro nuovo bambino con tutto l’amore e con quelli adottati. Ma per Ali, era troppo. E poi non ha esitato a chiamare il centro di adozione per annullare il processo.

Il giorno dopo i bambini sono stati restituiti a una famiglia affidataria, e purtroppo è stata l’ultima volta che hanno sentito parlare di loro. Ali dice che quando ha detto addio ai gemelli, ha provato “un po’ di affetto”. “È stata l’ultima volta che li ho visti. Ho pianto e ho pianto. Non avevo espresso alcuna emozione fino a quel momento, ma quando sono stati rimossi dalle mie braccia per l’ultima volta, qualcosa dentro di me si è spezzato e non penso che si riparerà mai”, rivela.

Ma la cosa più scioccante di tutti è che, pur portando quel sentimento di colpa, confessa di non rimpiangere di aver annullato l’adozione, dal momento che per qualche ragione il suo intero essere non riusciva a collegarsi ai bambini che non erano geneticamente suoi. “Penso che sia stata una cosa fisica. Il modo in cui non potevo connettermi con i gemelli era completamente fuori luogo. Ero sempre stato molto materna e desideravo disperatamente quei bambini, è qualcosa di difficile da spiegare, ma purtroppo non si possono controllare i sentimenti, avrei voluto davvero amarli come meritavano, ma non ci riuscivo”.

 

Ora Ali e Michael sono una coppia felice che vive con il loro figlio di tre anni Jacob, e anche nell’ottobre di quest’anno darà alla luce il loro secondo figlio concepito naturalmente. Ma non negano che le tracce lasciate dai gemelli siano indelebili.

La coppia ha ricevuto innumerevoli critiche per aver “restituito” i bambini, come se fossero vestiti, o scarpe che non vanno bene e le restituisci. Ma altri sono d’accordo con lui, sostenendo che l’amore di una madre adottiva deve semplicemente nascere dal primo momento e se ciò non succede, non può essere forzato.

Fateci sapere cosa ne pensate della decisione controversa di questa madre che è stata criticata così tanto da molti. Condividi questa notizia

A 13 anni ha costruito da solo la sua casa

Ricordate la bambina più bella del mondo? Ecco com'è diventata oggi

Vendeva penne fino a quando qualcuno non gli ha scattato questa foto

Perché non dovremmo mai stendere i panni bagnati in casa

La storia di una mamma e del suo unico parto

Tanti usi del bicarbonato che forse non conoscevate

E' morta a 4 anni, uccisa dalla malaria. Il suo caso è stato definito un mistero