I genitori non lo vogliono, da quel giorno la nonna si prende cura di lui

I genitori non lo vogliono e si ritrova a vivere con sua nonna. Questo bambino ha dato importanza ad una cosa che noi ormai diamo per scontata e ha compiuto un gesto davvero commovente

Home > Mamma > I genitori non lo vogliono, da quel giorno la nonna si prende cura di lui

“Indosso sempre un fiore all’occhiello la domenica, per andare in chiesa. Non lo faccio per moda, ormai è un’abitudine; lo considero un gesto carino ed elegante. Una domenica però, questo gesto usuale è diventato davvero speciale…”

“Finita la messa, mi stavo incamminando verso casa. Quando all’improvviso vengo fermato da un ragazzino, mi si avvicina e mi dice: ‘Ehi signore, cosa ne farà di quel fiore?’. In un primo momento non ho bene capito a cosa si stesse riferendo, ma poi ho risposto: ‘Ti riferisci a questa? (indicando la rosa sul mio cappotto)… ‘Sì signore. Potrei prenderla io nel caso a lei non serva più?’, mi ha detto. Sorrido e gli dono la mia rosa, chiedendogli incuriosito cosa ne farà. Mi guarda con i suoi occhioni e mi risponde:

‘La darò a mia nonna. I miei genitori hanno divorziato. Inizialmente vivevo con mia madre, poi sono andato con mio padre. Ora vivo con mia nonna, non potevo più restare a casa di mamma e papà e delle loro nuove famiglie’.

Il ragazzino continua: “Lei è così gentile e piena di cure, cucina e mi riempie di affetto. E’ così buona e a me piacerebbe molto regalarle quel bel fiore, così mi vorrà bene per sempre”.

“Quando il ragazzino finisce il suo discorso, io riesco a malapena a parlare. I miei occhi sono pieni di lacrime, sono commosso. Prendo la rosa dall’occhiello e, con il fiore ancora in mano, gli dico: ‘Figliolo, questa è la cosa più dolce che abbia mai sentito. Non puoi avere questo fiore, perché è troppo poco. Guarda davanti all’altare, li c’è un enorme mazzo di fiori. Prendi quelli per tua nonna, perché lei si merita il meglio’ “.

Il piccoletto conclude: “Che giornata meravigliosa, ho chiesto un fiore e ho ricevuto un intero mazzo!”. 

Il ragazzino ringrazia per qualcosa che molti di noi danno per scontato: l’amore. Nonostante sia stato abbandonato, sembra non aver perso la fiducia nel genere umano. Il suo racconto ci lascia con l’amaro in bocca e con una domanda: “Perché i genitori sono stati così egoisti?”. Ci conforta però il pensiero di questa nonna piena di affetto per il suo nipotino.