Il cattivo umore dei genitori influenza quello dei bambini

Il cattivo umore dei genitori influenza lo sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini.

Home > Mamma > Il cattivo umore dei genitori influenza quello dei bambini

Il cattivo umore dei genitori influenza lo sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini. Gli adulti possono influenzare l’umore dei piccoli e la scienza lo ha dimostrato in vari studi.

 

Se siamo di pessimo umore, possiamo influenzare i nostri bambini. Vi facciamo un esempio, se il tuo partner è triste o arrabbiato, lo diventi anche tu.. vero?

Uno studio condotto per diversi anni dagli psicologi dell’Università del Michigan su più di 700 famiglie, ha dimostrato che i diversi stati emotivi dei genitori, influenzano lo sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini.

Il padre è il genitore che influisce maggiormente sullo sviluppo emotivo di un bambino. Partiamo dal fatto che entrambi genitori influenzano lo sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini, ma gli esperti hanno scoperto che il padre influenza maggiormente il loro sviluppo emotivo.


Quando i genitori sono nervosi, tesi e irritati, possono provocare alcune sensazioni nei loro piccoli. Ad esempio:

1-Alterazioni nei livelli di sviluppo.
2-Poca sicurezza e bassa autostima.
3-Stress e angoscia.
4-Difficoltà relative ad altri bambini e problemi sociali.
5-Più probabilità di soffrire di depressione.
6-Problemi nel controllare le proprie emozioni.
7-Possibilità di sviluppare comportamenti aggressivi.

Lo studio condotto dagli psicologi dell’Università del Michigan, ha dimostrato che l’età in cui i bambini vengono maggiormente colpiti dall’umore dei propri genitori è tra i 2 e i 3 anni perché in questa fase iniziano a comprendere e ad analizzare i loro comportamenti ma anche quelli degli altri.

Hanno già la capacità di captare lo stato emotivo dei propri genitori e tutto ciò che li riguarda. Insomma, sembra che i bambini di 2 anni vivano una specie di adolescenza, questa è una fase di cambiamenti, ricerche e crescita personale.

I genitori devono cercare di essere più positivi

I genitori non devono mostrarsi di pessimo umore davanti ai propri figli perché è un modo per educarli alle buone maniere, essere di buon umore porta solo benefici. Ad esempio:

I bambini saranno più stabili e acquisiranno più intelligenza emotiva.

Avranno migliori risultati a scuola.

Migliori capacità sociali.

Saranno meno aggressivi e mostreranno anche un carattere più socievole.