Il metodo della nonna non sempre fa bene

Uno dei più antichi rimedi della nonna, contro la tosse, prevede l'utilizzo della cipolla, e sono moltissime le mamme che utilizzano questo rimedio con i propri figli. Ma ciò che è successo a questa mamma,il cui figlio è finito in terapia intensiva, dovrebbe mettere in guardia su questo mito.

I rimedi naturali o fatti in casa sono ampiamente noti a molti. Quasi tutti almeno una volta hanno fatto ricorso a una pianta o un’infusione per alleviare una condizione e se si tratta di tosse la pratica diventa più comune. Tuttavia, una madre di 35 anni ha pagato le conseguenze della fiducia in queste ricette, dopo che suo figlio è finito nell’unità di terapia intensiva a causa della cipolla che ha usato per curare la tosse.

L’assistente finanziario Juliana Ishiara non ha nemmeno testato l’impianto per il suo piccolo Henzo, quindi non pensava che ci fosse qualcosa di pericoloso in materia e ha deciso di seguire una ricetta che, come ha dimostrato, si è rivelata un mito.

Il bambino si ammalò di tosse comune. La secrezione nasale e il disagio gli impedivano di dormire, quindi lo portarono dal medico. “Ho portato Henzo dal pediatra ed è stato bello. Gocciolamento nasale chiaro, polmone pulito. Continuiamo con il trattamento tradizionale a base di inalazione, lavaggio con soluzione salina e sciroppo di erbe “, ha detto Juliana Ishiara la madre.

Nonostante abbia seguito le istruzioni del pediatra, il bambino si è lamentato del disagio della tosse. Preoccupata per i sintomi di suo figlio, Juliana decise di andare in cucina, prendere una cipolla e tagliarla in quattro. La donna ha seguito un consiglio che aveva letto su Internet sull’efficacia della cipolla per aiutare a curare la tosse.

Il problema era posizionare il tubero tagliato nella stanza per agire di notte. La madre lo ha fatto senza immaginare i risultati terribili. “In meno di cinque minuti, Henzo iniziò ad avere un attacco di tosse molto forte che non si fermava. Provava a respirare ma non ci riusciva. Lo sforzo della tosse fu tale che in pochi minuti vomitò e improvvisamente si sentì molto stanco. Ho sentito un forte rumore quando ha cercato di respirare “, dice Juliana.

Di fronte alla scena drammatica, la madre disperata ha portato il bambino al pronto soccorso dell’ospedale Notre Dame di San Paolo. “Siamo arrivati ​​all’ospedale e Henzo è stato preso d’urgenza. Ha ricevuto ossigeno, gli hanno dovuto fare un’iniezione di epinefrina e fare inalazioni di salvataggio con alte dosi di farmaci.

Quando la condizione si è stabilizzata, i medici hanno deciso di metterlo in terapia intensiva in modo che potesse essere monitorato”, ha ricordato Juliana. Il ragazzo è stato in terapia intensiva per cinque giorni, dove ha ricevuto un trattamento con un inalatore per l’asma e farmaci per cercare di invertire la crisi respiratoria. Fu quindi trasferito nella stanza, nella quale restò sotto osservazione per altri due giorni.

I successivi 30 giorni, Henzo ha continuato il suo trattamento a casa. Sua madre decise di portarlo da un pneumologo per un’indagine ma dopo diversi esami non scoprì nulla di irregolare. Tuttavia, le infermiere di Notre Dame dissero a Juliana che altri bambini avevano sperimentato questa condizione, dopo che le loro madri avevano seguito il mito della cipolla ma l’ortaggio lungi dall’aiutare, piuttosto ha peggiorato le cose.

“Alcuni bambini sviluppano iperreattività bronchiale e problemi respiratori nella prima infanzia, che possono essere causati da odori forti come un profumo o persino una cipolla. Questa ipersensibilità può causare broncospasmo e difficoltà respiratorie” , afferma Patricia Fukui, specialista in pneumologia pediatrica.

Forse alcune persone avranno visto un risultato favorevole quando si utilizza questo rimedio casalingo; Tuttavia, il caso di Henzo ci mostra che non è sempre sicuro, specie se i soggetti sono bambini molto piccoli. Per questo motivo, Juliana ha deciso di condividere la sua storia e avvertire i genitori del pericolo imminente dietro questa pratica. È meglio seguire sempre i consigli di un medico e non correre rischi. Esiste anche un’altro motivo che ci mette in allerta sulla cipolla, il video di seguito, spiega qualcosa che pochi sanno.

Questa ricetta è comune tra le madri, speriamo di aiutare a prevenire situazioni rischiose come quella che ha sofferto Henzo.

Mamma entra per confortare il figlio dopo l'intervento e vede l'infermiera rannicchiata nel suo letto d'ospedale

Mamma entra per confortare il figlio dopo l'intervento e vede l'infermiera rannicchiata nel suo letto d'ospedale

Una situazione surreale

Una situazione surreale

Dormire al freddo, nanna all'aria aperta anche in inverno

Dormire al freddo, nanna all'aria aperta anche in inverno

Dawn diventa mamma a cinquanta anni

Dawn diventa mamma a cinquanta anni

I medici iniziano a ridere in sala parto, la madre non capisce perché

I medici iniziano a ridere in sala parto, la madre non capisce perché

La neonata scomparsa

La neonata scomparsa

La lettera di una madre, per il figlio ribelle

La lettera di una madre, per il figlio ribelle