La nascita delle gemelle

Tutti nella stanza dell'ospedale, stavano festeggiando la nascita delle gemelle...ma il dottore si avvicinò ai genitori: "mi dispiace..."

Home > Mamma > La nascita delle gemelle

Matt e Jodi Parry erano molto entusiasti dell’arrivo delle loro figlie, il giorno della nascita delle loro gemelle, era tutta felicità perché potevano finalmente averle tra le loro braccia. Sei anni fa sono arrivati ​​all’ospedale per diventare genitori per la seconda volta e insieme al figlio maggiore avrebbero accolto le due principesse della famiglia.

Dopo che le nascite delle piccole furono condivise in allegria nella stanza d’ospedale, un dottore si avvicinò ai genitori per comunicare una brutta notizia, disse loro: “Mi dispiace”. Quando sentirono quelle parole sentirono che i loro cuori erano paralizzati, sentirono che qualcosa non andava. Il medico voleva esprimere la propria solidarietà per la diagnosi delle gemelle Abigail e Isobel, avevano la sindrome di Down. Per i genitori, il medico non ha dato loro la notizia con l’etica professionale necessaria, ha assunto la condizione dei piccoli come una punizione o qualcosa di devastante, mentre loro non l’hanno considerata in questo modo. Le piccole erano nate a 34 settimane di gestazione , quindi avevano bisogno di rimanere nell’unità di cura neonatale. Matt e Jodi sapevano che le loro piccole erano un miracolo, la probabilità che dei gemelli nascessero con la sindrome di Down, era una su un milione , ma, in aggiunta, avevano ricevuto altre diagnosi. Una delle bambine non riusciva a sentire, non aveva l’udito in uno dei suoi orecchi, e l’altro aveva un respiro nel suo cuore.

All’inizio i genitori erano molto spaventati, nessuno si è avvicinato a loro per incoraggiarli e offrire loro informazioni sui bambini nati con la sindrome di Down.

Ora sanno che non c’era nulla da temere, le loro figlie godono di una vita normale e sono davvero felici mentre ricevono sostegno e amore dai loro cari.

“Oggi non so perché il dottore mi abbia detto che gli dispiaceva. Mi piacerebbe davvero riuscire a trovarlo e chiedergli perché ci ha detto quelle parole.

Non avremmo cambiato Abigail e Isobel per niente al mondo. Ci fanno sorridere e divertire. ”

Attraverso la sua testimonianza, la famiglia vuole fare una chiamata a tutti coloro che hanno pregiudizi sulle persone con sindrome di Down.

Questa condizione non sarà mai una cattiva notizia o qualcosa di cui i genitori dovrebbero pentirsi.

Tutti gli esseri umani meritano le stesse opportunità di avere una qualità di vita decente, realizzare i loro sogni ed essere felici.

È ammirevole come i genitori di Abigail e Isobel diano una lezione d’amore al mondo.