La polizia libera il bambino di 2 anni nella macchina rovente

Lasciare qualsiasi essere vivente, umano o animale che sia, in una macchina bollente, è qualcosa di davvero crudele. Però, purtroppo nel mondo ci sono diverse persone, che non riescono nemmeno a capire il pericolo che questo comporta. Quello che è accaduto ad un bambino di due anni, è qualcosa di davvero indecente.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Tutto è iniziato a Rheda Wiedenbruck, in Germania. Questo perché, la madre del piccolo, doveva andare ad un festival con un suo amico. Per questo ha pensato che poteva lasciare suo figlio di due anni, nella macchina bollente. Secondo Bild, lunedì sera tardi, gli ufficiali di polizia, hanno dovuto rompere il vetro di un auto, per liberare un povero bimbo, che piangeva e si disperava, dopo trenta minuti che era li dentro da solo. Urlava, piangeva e sudava a freddo e la sua fortuna, sono stati proprio i passanti, che appena l’hanno sentito, hanno chiamato subito le forze dell’ordine. Dopo dieci minuti, che la polizia era arrivata sul posto, è tornata anche la madre di ventidue anni, che sempre secondo Bild, per giustificarsi, ha dichiarato: “Stavo cercando una mia amica. Ci è voluto molto più tempo del previsto!” Alla fine, dopo l’interrogatorio, la ragazza è stata accusata di lesioni fisiche ed abusi su minori. Inoltre, è stata anche informata l’organizzazione statale per l’assistenza all’infanzia. I bambini così piccoli, non sono in grado di badare a se stessi e nemmeno possono uscire da soli, da una macchina bollente. Anche se si pensa che quello che si deve fare è importante e non ci vuole molto, nessuno può essere lasciato in macchina, a rischiare la sua vita.

La fortuna di questo piccolo, sono stati proprio i passanti, che appena si sono resi conto di quello che stava accadendo hanno chiamato subito le forze dell’ordine.

Questi sono dei veri e propri traumi e noi ci auguriamo che questo bambino si riprenda molto presto.

Speriamo anche che la ragazza venga punita, così non farà più un gesto così irresponsabile.

Che storia terribile, nessuno, animale o umano, dovrebbe mai subire cose del genere!