L’incredibile ritrovamento di Kaydon

Qualsiasi genitore spera sempre di poter proteggere il proprio bambino, ma, a volte, quando accade qualcosa di brutto, non si può fare nulla per rimediare a quella situazione, se non entrare nel panico e pregare, pregare e sperare. Questo è esattamente ciò che hanno provato i genitori di Kaydon Leach, il bambino protagonista di questa storia.


Il piccolo aveva solo sei anni quando l’incubo è iniziato. Tutto è accaduto la notte del ventitre aprile, quando Kaydon è scomparso alle undici di sera da Blout Country, nel Tennessee. Ad un certo punto, la madre ed il padre del bambino, sono andati a controllare nella sua stanza, per vedere se il piccolo dormisse, ma proprio in quel momento si sono resi conto della tragedia, lui non c’era… Kaydon non era nel suo letto, i genitori sono entrati in preda al panico ed hanno subito chiamato la polizia. La notizia si è diffusa nel giro di pochi minuti e alla ricerca del piccolo sono arrivati: le squadre di K-9, lo Swat team dell’ufficio dello sceriffo della contea di Blout, il Tennessee Bureau of Investigation, un elicottero militare Black Hawk ed una squadra composta da tantissimi volontari. Dopo più di ventidue ore di ricerche, Kaydon è stato trovato a circa mezzo miglia dalla casa, alle quindici e trenta del ventiquattro aprile, ma la cosa che ha lasciato tutti a bocca aperta, è che il bambino non era solo, ma tutto il tempo con lui c’era stato il terrier, Chula, il suo amato amico a quattro zampe.

Quando Kaydon è stato trovato era freddo e per questo è stato portato subito in ospedale. Tutti gli agenti e le squadre che si sono impegnate per trovarlo, sono rimaste incredule da quello che il cagnolino ha fatto per il suo amico umano, visto che è rimasto con lui durante tutta la notte, sotto la pioggia.

La madre, ha dichiarato il giorno dopo il ritrovamento: “Siamo così grati a tutti, dalle forze dell’ordine locali ai volontari, che ci hanno aiutato a trovare Kaydon. La quantità di supporto che abbiamo ricevuto è stata straordinaria, anche da persone che non conosciamo. Apprezziamo tutti i nostri amici e vicini e chiediamo la privacy in questo momento!”

Fortunatamente il bambino sta bene, ma tutti sono rimasti sorpresi dal comportamento di Chula, che nel buio, nella pioggia e nella desolazione, è rimasta vicino al suo piccolo amico umano, proteggendolo.

E’ proprio vero, gli animali hanno molto da insegnarci, hai dei valori veri, sono fedeli e non ci abbandonano nemmeno nel peggiore dei momenti! Condividete questa storia bellissima e mostrate al mondo l’importanza di un cane nelle nostre vite!.