Madre indignata scopre che la bambola della figlia è transgender

La mamma aveva comprato la bambola alla figlia, prima di fare una scoperta che l'ha lasciata senza parole!

Home > Mamma > Madre indignata scopre che la bambola della figlia è transgender

C’era una mamma che cercava il regalo a sorpresa perfetto per la figlia di 3 anni. Decise di comprarle una bellissima bambola, luccicante, con le sembianze di una fata. La bambina ha iniziato subito a giocarci, fino a quando la mamma non ha fatto una sorpresa sgradita: la donna indignata e sconvolta ha scoperto che la bambola della figlia era transessuale.

bambola transgender

La madre scioccata ha deciso di raccontare quello che le era appena accaduto sui social media, per mostrare agli altri quello che aveva scoperto la figlia tirando su la gomma della bambola che fa parte della serie Pirate Fairy. Tra le gambe della fata c’era un insolito pezzo di plastica: in molti si sono chiesti se quella non fosse la prima bambola transgender al mondo.

bambola transgender

La donna ha pubblicato anche delle foto della bambola che sembrava avere dei genitali maschili. Tutti i genitori che le hanno viste non potevano credere ai loro occhi. La bambola è stata prodotta in Cina e venduta a Buenos Aires, in Argentina, dal grossista Once. Le foto sono diventate rapidamente virali.

Forse non è come sembra. Forse non si tratta della prima bambola transgender al mondo. Forse è solo un errore di produzione. Rimane il fatto che la questione pare essere ancora un argomento tabù, visto il polverone che ha sollevato. Ci sono dei genitori che si chiedono se la bambola possa influenzare la sessualità dei loro figli.

Mentre la comunità transgender sottolinea che avrebbe voluto che bambole così ci fossero anche quando loro erano bambini, per poter indagare un aspetto, come quello della se$$ualità, spesso taciuto ai bambini.

La questione è approdata anche in tv, dove uno psicologo infantile, Ricardo Rodulfo, ha detto: “Non importa a un bambino se il loro giocattolo ha o meno genitali maschili. L’idea provoca più disturbo tra gli adulti”.