Mai svegliare i bambini mentre dormono, ecco 5 buoni motivi!

Home > Mamma > Mai svegliare i bambini mentre dormono, ecco 5 buoni motivi!

Nei primi giorni di vita, i neonati dovrebbero mangiare e dormire, nulla di più. Ma il sonno è una delle cose che più ci preoccupa e che, a volte, porta problematiche che persistono fino ai 3 anni di vita del bambino. Vi siete mai chieste: “Devo svegliare il piccolo mentre dorme?”.  O magari, quando qualcuno vi viene a trovare e, senza il vostro consenso, sveglia il neonato, voi avete paura e non sapete a quali conseguenze possa portare quel gesto? Molti pediatri hanno dato la loro risposta e ognuno la pensa in modi differenti.

Ma la maggior parte afferma che il neonato, a meno che non abbia problemi di crescita, non deve essere svegliato! Ci sarebbe anche, secondo loro, una distinzione tra bambini allattati al seno e bambini nutriti in modo artificiale. Cioè? Molti credono che, quelli che si nutrono con latte artificiale, dovrebbero essere svegliati, soprattutto per regolarizzare i pasti. I neonati allattati al seno, invece, di solito sono più capaci di regolare il loro sonno in dipendenza delle loro esigenze nutritive.

Questi sono i cinque motivi per cui non si dovrebbero mai svegliare i bambini che dormono:

  • Il ritmo sonno-veglia è fisiologico: Il sonno dei neonati è legato al loro istinto. Cosa significa? Il bambino si sveglia per rispondere ai propri bisogni, come la fame, la “cacca”, il dolore… Sarà lui stesso a svegliarsi. Noi non dobbiamo ASSOLUTAMENTE interferire con il suo sonno: sta riposando e crescendo. Avete mai sentito le anziane signore quando dicono: più dorme, più cresce?
  • Rispettare il diverso ritmo del sonno: Adulti, bambini e neonati hanno un tipo di sonno completamente diverso. Il neonato ha bisogno di più sonnellini ma di breve durata, circa 50 minuti. Mentre nella fase REM, il sonno attivo, è più lunga. Tutto ciò è necessario per favorire gli sviluppi cerebrali che avvengono fin dalla nascita. Naturalmente questo varia da bambino a bambino, c’è chi dorme di più e chi di meno.

  • Favorire lo sviluppo cerebrale: il sonno REM, che vi abbiamo nominato precedentemente, favorisce lo sviluppo cerebrale. Alla nascita, il cervello del neonato è circa un quarto delle dimensioni del nostro cervello. Cresce dell’80 % nei primi tre anni di vita e del 90 % nei primi cinque anni.
  • Favorire lo sviluppo fisiologico: qui ritorniamo al discorso delle anziane signore… diversi studi hanno individuato una correlazione tra sonno e aumento di peso e di altezza del neonato, quindi crescita.
  • Evitare l’irritabilità: beh questo credo che lo sappiate benissimo, anche voi se venite svegliate in malo modo, se non avete finito il sonno, siete irritabili e scontrose. Giusto? Svegliandoli di proposito, rischiate di averli nervosi per il resto della giornata. Questo è raccomandabile fino all’anno di età, dopo il quale, invece gli studiosi credono che il riposino pomeridiano non dovrebbe superare i 90 minuti.

Quindi, è importante rispettare i bisogni del bambino. Cerchiamo di essere più flessibili, evitando di imputarci su questioni prettamente educative. Forse lasciarli liberi li aiuterà ad essere più indipendenti, anche nel ritmo del sonno.