Mamma condannata a due anni di prigione per aver dato due schiaffi al figlio

Condanna di due anni di reclusione per una mamma che ha dato due schiaffi al figlio: ecco cosa è successo.

Home > Mamma > Mamma condannata a due anni di prigione per aver dato due schiaffi al figlio

In Spagna è stata emessa dai giudici una sentenza che ha fatto molto clamore. Una mamma ha dato due schiaffi al figlio di 10 anni. Non voleva andarsi a fare la doccia. Due sberle e guance rosse. Poteva finire lì. Invece per quel suo gesto, che non ha avuto conseguenze sul bambino, la donna è stata condannata a due anni di carcere. I giudici non hanno avuto alcun dubbio in merito!

schiaffi al figlio

La notizia è stata riportata da La Voz de Galicia. Il ragazzino di 10 anni non ne voleva sapere di andarsi a lavare. La mamma glielo aveva già chiesto molte volte. I due hanno iniziato a litigare. E dopo un po’ la mamma ha dato due schiaffi al figlio. Una cosa che potrebbe sembrare banale, se non fossero intervenuti i giudici a giudicare l’atto della donna nei confronti del figlio.

Il tribunale provinciale di Pontevedra, nella provincia a nord-ovest della Spagna, ha infatti deciso che quei due schiaffi sono equiparabili a violenza domestica. Per questo la mamma è stata condannata a due anni di reclusione. Non avendo precedenti penali, gli avvocati della donna sono riusciti a far cambiare la pena in carcere con sei mesi di lavoro in comunità. Per quei sei mesi, poi, i giudici hanno imposto alla mamma di non avvicinarsi a meno di 200 metri dal figlio. Una punizione terribile per ogni mamma!

I giudici hanno detto che “il rimprovero a un’eventuale disobbedienza del minore non può mai giustificare l’uso della violenza che l’accusata ha esercitato”. Questo è quello che si legge nella sentenza: i giudici sottolineano che i genitori hanno diritto a correggere i comportamenti ritenuti sbagliati, ma questo non deve intaccare l’integrità fisica e morale dei bambini. Le punizioni di mamma e papà non devono mai danneggiare fisicamente e anche moralmente i loro figli. Una sentenza che farà storia.

Fonte: Il Mattino