Mangiarsi le unghie durante l’infanzia, ecco i motivi

Perché alcuni bambini si mordono le unghie? La noia può indurre un bambino a farlo ma ci sono molti altri motivi per cui lo fanno. Scopri quali sono.

Home > Mamma > Mangiarsi le unghie durante l’infanzia, ecco i motivi

Perché alcuni bambini si mordono le unghie? La noia può indurre un bambino a farlo. Questa abitudine non è unica per i bambini. Ma è uno dei comportamenti più difficili da interpretare.

Può apparire prima dei 3 anni ed è solitamente associato a ansia, stanchezza e stress.

Ma se il bambino è sano, cioè gioca, studia, ha amici, mangia e dorme bene e sembra stare bene con se stesso e la vita, è probabile che sia una cattiva abitudine di passaggio. In questo caso è meglio non interferire e attendere che passi.

Manie e ossessioni nei bambini

In ogni caso, ci sono molte ragioni per cui un bambino si morde le unghie. Uno può essere perché le cose non vanno bene a scuola, un altro perché non è contento di se stesso o perché vive in una situazione di nervosismo, paura, tensione o perché gli piace farsi male. Ci sono bambini che si mordono le unghie e si fermano solo quando iniziano a sanguinare.

Mordersi le unghie è una dipendenza di lunga durata, è una delle abitudini dell’infanzia più comuni:

Alcuni studi stimano che il 40% dei bambini di età compresa tra 5 e 18 anni si mangia le unghie. Sia i bambini che le bambine si mordono le unghie nella stessa misura durante i primi anni. Tuttavia, man mano che crescono, i bambini hanno maggiori probabilità di continuare con questa cattiva abitudine.

Cosa fare per impedire a tuo figlio di mordersi le unghie e mangiarle

– Non parlare o sgridare sempre tuo figlio. Questo potrebbe renderlo più nervoso e il problema peggiorerà.

– Puoi fargli ungere le dita in una sostanza maleodorante ma prima cerca di convincere tuo figlio che questo rimedio è necessario poiché, se continua a mangiarsi le unghie, può farsi male.

– Se vedi che il problema sta aumentando e che c’è già una mancanza visibile di controllo, i consigli e l’aiuto di uno psicologo potrebbero essere utili.