Manovra del pisellino: perché NON dovete farla

Home > Mamma > Manovra del pisellino: perché NON dovete farla

Quando si ha un bambino maschio, la più grande preoccupazione di ogni genitore riguarda la cura ma soprattutto l’igiene del pisellino. Badate bene, è un organo molto delicato, mai fare manovre azzardate potrebbe essere molto pericoloso! Prendersi cura del pisellino di un figlio non è semplice. Inizialmente bisogna semplicemente lavarlo con acqua e sapone ma poi la domanda più frequente è: bisogna aprirlo, oppure no?

Nel caso in cui il piccolo viene circonciso, il pediatra nel momento della circoncisione mette una garza che deve essere rimossa venti quattro ore dopo e per rimuoverla è necessario, non rimuovere la benda, ma bagnare la garza con acqua tiepida, aspettare un minuto e poi toglierla con molta calma.

Se la garza non dovesse togliersi facilmente, attendere ancora un po’ e bagnare con molta più acqua, è normale trovare delle macchie di sangue nel pannolino. Il bambino può essere irritato nelle ore successive all’operazione, anche perché non può mangiare per due o tre ore dopo.

Ma riguardo la manovra del pisellino, cosa bisogna davvero fare? Sappiamo benissimo che alcuni pediatri la consigliano e la fanno, altri sono contrari. Tutti i bambini maschi nascono con  la punta del pisellino ricoperta di pelle, il prepuzio. E questa manovra serve per lo “scollamento”.

 

In passato lo scollamento era consigliato dalla maggior parte dei pediatri, per accelerare l’evoluzione naturale dei genitali. Oggi, al contrario, i pareri sono diventati due: c’è chi consigliauna tecnica chiamata “ginnastica prepuziale”, e chi pratica ancora la manovra. Ma diversi studi hanno dimostrato che quest’ultima per il bambino può risultare molto dolorosa e scoprire il pisellino può causare anche pericolose infezioni. Quindi, oramai, quasi tutti  i pediatri consigliano di NON intervenire e di assecondare la normale evoluzione anatomica.

Impara queste cose, ma ricordati di consultare sempre il tuo medico! Il vostro parere, invece, qual’è?