Mariam Nabatanzi è una coraggiosa madre, che lotta per educare i suoi 38 figli biologici.

Mariam Nabatanzi è una coraggiosa madre, che lotta per educare i suoi 38 figli biologici. Ha appena 39 anni e migliaia di persone si chiedono come abbia fatto. Ecco la straziante storia di questa donna

Home > Mamma > Mariam Nabatanzi è una coraggiosa madre, che lotta per educare i suoi 38 figli biologici.

Mariam Nabatanzi è una coraggiosa madre nativa dell’Uganda, che lotta per educare i suoi 38 figli biologici. Ha appena 39 anni e migliaia di persone si chiedono come abbia fatto. La straziante storia di questa donna è venuta alla luce grazie alla giornalista Kassim Kayira, che ha potuto conoscere il suo passato angosciante e un presente non così diverso.

Come è comune nei villaggi africani, Mariam è stata costretta a sposarsi alla giovane età di 13 anni. Ma il suo inferno in realtà è iniziato molto prima, quando la sua cattiva matrigna ha cercato di uccidere lei ed i suoi quattro fratelli mettendo del veleno nel loro cibo. Fortunatamente per questa povera donna, non era presente, ma tutti i suoi fratelli morirono.

Ma dopo essersi liberata di quella che sarebbe stata una morte dolorosa, ora affronta una vita di difficoltà. I suoi genitori l’hanno sposata con un uomo poligamo di 40 anni nel villaggio di Kabimbiri, nel nord dell’Uganda. Riferisce che non sapeva che si sarebbe sposta, un giorno l’avevano semplicemente lasciata con l’ormai padre dei suoi 38 figli. E quello che è venuto dopo è stato un percorso di sofferenza continua.

Mariam è diventata madre all’età di 13 anni, dando alla luce due gemelli. Sarebbe l’inizio del lungo viaggio della sua incredibile fertilità.

Tra i suoi figli, il maggiore ha 23 anni; 10 sono ragazze e 28 sono ragazzi. Mariam ha partorito 3 serie di gemelli, 3 serie di quadruple, 4 serie di terzine e 8 parti individuali. Sebbene abbia dato alla luce 44 bambini, sei di loro non hanno mai visto la luce.

Quando Mariam aveva 23 anni, aveva già dato alla luce 25 bambini. Preoccupata per la sua salute, cercò un consiglio medico e fu allora che scoprì di avere una condizione nota come “iperovulazione”, che è quando viene rilasciato più di un uovo durante il ciclo mestruale. Ma non ha ricevuto alcun aiuto.

Oltre alla miseria in cui vive, il marito di Mariam è un vero incubo per lei. Riferisce di ricevere regolarmente pestaggi, ed è normale che arrivi ubriaco. Alla fine ha finito per abbandonarla.

“I bambini difficilmente sanno chi sia, dal momento che è un padre assente che dà i nomi ai suoi figli per telefono”, dice. Mariam riconosce che ciò che suo marito ha fatto dovrebbe essere considerato un crimine. “Abbandonare i suoi figli e portare loro via l’amore del padre è qualcosa da cui non mi riprenderò mai”, confessa.

 

Ma c’è un raggio di speranza all’orizzonte per questa madre. Grazie al rapporto della giornalista che conosceva la sua storia, Karo Omu, una donna dell’Uganda, ha fondato una pagina di raccolta fondi. Il suo obiettivo è raccogliere 28 milioni di scellini ugandesi che verranno utilizzati per coprire i costi di tutte le sue necessità di base e persino rendere più semplice per Mariam avviare una propria attività.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI