Muore soffocata a 18 mesi per colpa del peluche

Il peluche avrebbe impedito alla bimba di respirare e quando la mamma è arrivata era già troppo tardi

Home > Mamma > Muore soffocata a 18 mesi per colpa del peluche

Era il suo peluche preferito, Connie non si separava mai da lui ma, il destino si è accanito contro la piccola e ha fatto sì che proprio il suo orsacchiotto preferito le potesse togliere la vita. La vicenda risale a qualche mese fa, ma oggi la mamma, Dexy Leigh Walsh ha trovato il coraggio per raccontare la vicenda ed avvertire tutte le altre mamme.

Non è stato facile, il dolore è sicuramente forte, ma Dexy non vuole permettere che un fatto così straziante possa accadere ad un’altra mamma. Sembrava una mattina come le altre, Dexy stava andando nella cameretta della piccola per svegliarla, poi l’amara scoperta.

bimba-culla

Connie non respirava più, e per la piccola non c’era proprio più nulla da fare. Ha provato con le manovre di rianimazione, ma la piccola non era reattiva. Dexy ha realizzato che a togliere la vita a Connie è stato il suo pupazzo.

mamma-figlia-culla

Dexy confessa che era abituata a mettere nella culla dei peluche, sia per non far sbattere la testolina alla piccola, sia perché lei senza il suo orsacchiotto faceva fatica ad addormentarsi, ma poi la piccola deve essersi girata e ha poggiato il nasino proprio contro il peluche. In quel quel fragrante deve essere avvenuta una crisi respiratoria che ha messo fine alla vita della piccola Connie

peluche

“Ho incolpato me stessa. Tutto quello a cui penso ora è che se avessi lasciato vuoto il latino sarebbe ancora qui forse solo con un piccolo bozzo sulla testa. Per questo chiedo a ogni genitore di non cercare di riempire lettini e cullette con ose morbide per non farli sbattere la testa. Per favore, lasciateli vuoti, spostate tutto, perché potreste ritrovarvi come me ad avere il più grande rimpianto della vita”

A Dexy vorremmo dire che non può rimproverarsi di nulla e che non si può essere perfetti, è stato un errore sì, ma commesso in buona fede e forse per la troppa attenzione nei confronti della figlia. Il destino gioca brutti scherzi.